domenica 24 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
spot_img

FORNO / RIVAROLO CANAVESE – Due arresti: un 23enne che picchiava la madre e un 24enne che perseguitava l’ex

Il primo pretendeva dalla madre i soldi per la droga, il secondo ha continuato a perseguitare l'ex nonostante il provvedimento di non avvicinamento

FORNO / RIVAROLO CANAVESE – Un giovane picchiava la madre, un altro continuava a perseguitare l’ex ragazza: arrestati.

A Forno Canavese i militari della Stazione di Barbania hanno arrestato un italiano di 23 anni, per maltrattamenti.

Al culmine di un litigio con la madre, che gli aveva negato la somma di 70 euro per l’acquisto di droga, l’uomo l’ha minacciata con un coltello e l’ha colpita con diversi calci. È dovuto intervenire il fratello per sedare la lite e chiamare il 112. La vittima ha dichiarato ai carabinieri prontamente intervenuti sul posto che le liti e le minacce sono iniziate nel mese di luglio di quest’anno perché il figlio pretendeva la consegna giornaliera di 70/100 euro per l’acquisto della droga. La donna è stata soccorsa e accompagnata all’Ospedale di Cirié per essere medicata.

[metaslider id=”187330″]

A Rivarolo Canavese, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un 24enne italiano, in ottemperanza ad un ordine di custodia cautelare ai domiciliari emesso dal Gip di Ivrea.
L’uomo era stato denunciato lo scorso 20 dicembre per atti persecutori nei confronti della sua ex fidanzata. Dopo la fine della loro relazione, le aveva inviato decine di messaggi minatori oltre ad averla pedinata e minacciata. A seguito della denuncia gli era stato notificato un provvedimento di non avvicinamento alla sua ex.
Ora è arrivato l’aggravamento della misura dato che ha continuato a mantenere delle condotte persecutorie nei confronti della donna.

[metaslider id=”653528″]

[metaslider id=”653523″]

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img