domenica 28 Febbraio 2021

RIVARA – Spara al figlio e si uccide, aveva lasciato un lungo messaggio su Fb

“Noi partiamo per un lungo viaggio, dove nessuno ci potrà dividere, lontano da tutto, lontano dalla sofferenza”

RIVARA – Era fortemente depresso, e aveva annunciato le sue intenzioni in un lungo messaggio sulla sua pagina Facebook: “Noi partiamo per un lungo viaggio, dove nessuno ci potrà dividere, lontano da tutto, lontano dalla sofferenza.”

E così, Claudio Baima Poma, 47 anni, questa notte ha preso una pistola (detenuta illegalemente) e ha dapprima tolto la vita al suo bimbo, Andrea, 11 anni, e poi, con la stessa arma, si è sparato.

Una vicenda drammatica che ha sconvolto la comunità canavesana.

“Ho perso la mia battaglia contro la depressione, – ha proseguito – ho perso la fiducia nella donna in sé, non più voglia di soffrire, di star male, di passare le notti in bianco, sono stanco dentro, ho la mente distrutta.”

Inutili i tentativi dei sanitari giunti sul posto, di salvare loro la vita, il medico ha soltanto potuto constatarne il decesso.

Sono in corso le indagini sull’arma, che risulta avere la matricola abrasa. I due corpi senza vita sono stati trovati in camera, sul letto matrimoniale. A dare l’allarme sarebbe stata un’amica dopo aver letto il post su FB. Le due salme sono state portate alla camera mortuaria di Cuorgnè, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE: RIVARA – Uccide il figlio 11enne e si toglie la vita (FOTO E VIDEO)

urbanlungo

Leggi anche...