venerdì 5 Marzo 2021

CANAVESE – Dopo Rivarolo, anche Favria riapre il COC; sospese le visite all’Umberto I di Cuorgnè

Un caso registrato anche a San Ponso

CANAVESE – Favria, in seguito al caso positivo al Covid registrato ieri sera dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, sta predisponendo la riapertura del COC (Centro Operativo Comunale).


A darne notizia è il Sindaco Vittorio Bellone, che, oltre a precisare che la persona positiva è asintomatica, sottolinea: “È fondamentale la massima prudenza, il distanziamento di almeno un metro, l’uso della mascherina obbligatoria nei luoghi pubblici chiusi e anche all’aperto dove non è possibile mantenere e garantire la distanza di sicurezza, evitare gli assembramenti e lavare frequentemente le mani. Nelle prossime ore seguiranno aggiornamenti anche da parte della Protezione Civile.”

Anche Rivarolo Canavese, lo scorso 31 agosto, in seguito alla comparsa dei nuovi casi positivi (4 di cui 3 domiciliati), aveva riaperto il Centro Operativo Comunale (COC) presso la sede del Polo di Protezione Civile, “al fine di assicurare, nell’ambito del territorio del Comune di Rivarolo Canavese, la direzione e il coordinamento per la pianificazione dell’informazione alla popolazione, l’eventuale attivazione delle azioni di assistenza alla popolazione, nonché azioni volte ad assicurare la continuità dei servizi essenziali seguendo le direttive Regionali della SOR – Sala Operativa Regionale.”

Il presidio è attivo dalle 11 alle 17 dei giorni feriali e festivi per comprovate necessità.

Intanto la casa di riposo Umberto I di Cuorgnè, ha sospeso, preventivamente, a partire dal 31 agosto, le visite agli ospiti, proprio in considerazione dei nuovi casi positivi al Covid-19 riscontrati in alcuni comuni del Canavese.

Oltre a Favria, ieri è stato riscontrato anche un caso positivo a San Ponso.

urbanlungo

Leggi anche...