spot_img
sabato 18 Settembre 2021
sabato, Settembre 18, 2021

CANAVESE – A Montecitorio un emendamento sulla Torino-Ivrea-Aosta; si chiede il ponte ferroviario sul tratto Strambino-Ivrea

Giglio Vigna: “Il nostro Canavese, ma anche la Valle d'Aosta, sono sempre meno collegate con il resto del Penisola”

CANAVESE – La ferrovia Torino-Ivrea-Aosta sarà oggetto dell’agenda dei lavori del Decreto Legge Rilancio, attraverso un emendamento che dovrebbe arrivare nell’aula di Montecitorio lunedì 29 giugno in prima lettura.

Foto d’Archivio

La tratta ferroviaria è stata portata all’attenzione del Governo dai Deputati della Lega della provincia di Torino Maccanti, Benvenuto e Giglio Vigna, quest’ultimo per rappresentare il Territorio del Canavese.

Nell’emendamento del Carroccio si chiede la costruzione di un ponte ferroviario sul torrente Chiusella nel tratto Strambino-Ivrea, l’eliminazione di diversi passaggi a livello sulla tratta oltre all’elettrificazione di parte della ferrovia.

“Il nostro Canavese, ma anche la Valle d’Aosta, sono sempre meno collegate con il resto del Penisola – commenta l’Onorevole eporediese Alessandro Giglio Vigna – un isolamento che paghiamo in termini economici, i nostri pendolari costretti ad orari sempre più assurdi; questi interventi sono in programma per il 2022, noi con questo emendamento proponiamo di anticiparli ed iniziarli prima possibile, ridurre il tempo di percorrenza vuol dire avvicinarci a Torino e ad Aosta, Ivrea non può più aspettare!”.

“Grazie a questo emendamento – commenta il Consigliere regionale Andrea Cane, Responsabile per la Lega degli Enti locali piemontesi – eviteremo che ci si occupi della linea interregionale solo per polemiche sui disservizi o per situazioni catastrofiche come l’alluvione che ha spazzato ponti, binari e massicciata ferroviaria nel 2000  o il più recente blocco del TIR a un passaggio a livello tra le stazioni di Caluso e Rodallo, che provocò due morti e 24 feriti. Speriamo che le voci del nostro territorio non siano messe a tacere, se il Decreto merita il nome di “Rilancio” deve guardare ai lavoratori, agli studenti e ai turisti che si muovono da e verso regioni che reputo assolutamente strategiche nell’asse economico del nostro Paese”.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img