lunedì 18 Gennaio 2021

RIVAROLO CANAVESE – Salgono a 39 i casi positivi; mascherina per i soggetti deboli

Rostagno ribadisce: “Rivarolo non diventerà zona rossa”

RIVAROLO CANAVESE – Quattro nuovi casi positivi in più oggi. Sale così a 39 il numero dei cittadini positivi.

“Rileggendo i dati di Rivarolo, – dichiara il Sindaco Alberto Rostagno – confrontandoli, facendo un po’ di statistica anagrafica, incrociandoli con i database dell’Asl e dell’unità di crisi, si è potuto evidenziare che molti dei cittadini rivarolesi risultati positivi, in effetti non sono domiciliati a Rivarolo da molto tempo, hanno però mantenuto la residenza. Quindi, i dati reali dei cittadini positivi, effettivamente presenti a Rivarolo, sono sovrapponibili a quelli di altre realtà simili alla nostra. Non è piacevole, non ne sono abituato, parlare di numeri, preferirei parlare di persone con nome e cognome. La legge sulla privacy e le raccomandazioni che quotidianamente riceviamo sono rigide nel vietare ogni divulgazione di dati sensibili. Questa la motivazione per cui, nonostante le molte sollecitazioni ricevute, non posso divulgare i nomi delle persone interessate.”

E aggiunge: “Continuo a ricevere telefonate preoccupate di cittadini spaventati per la paura che la Città di Rivarolo e le zone limitrofe possano diventare Zona Rossa. L’ho già detto e lo ripeto: NON corriamo quel rischio, Rivarolo non diventerà zona rossa, la situazione è sotto controllo, i report statistici sono in linea con i dati regionali.

I cittadini che hanno necessità di avere fin da subito una mascherina protettiva, in modo particolare gli anziani, le persone che non possono uscire di casa neppure una volta alla settimana per fare la spesa, i diversamente abili, tutte le categorie a rischio, possono telefonare, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10,00 alle ore 12,00 al numero del comune di Rivarolo: 0124/454656, lasciando i propri dati. La mascherina sarà consegnata gratuitamente a casa dai volontari della protezione civile l’equilatero.”

E conclude: “È stato segnalato un volantino, recapitato in molte abitazioni, attribuito al “Ministero dell’Interno” dove si obbligano i non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni ospitanti per rientrare nel proprio domicilio di residenza. Si tratta di un falso, opera di qualche malintenzionato. Chi lo riceve, avverta subito le Forze dell’Ordine. La Polizia Municipale e il Comando locale dell’Arma dei Carabinieri oggi segnalano il quasi totale rispetto delle regole da parte dei cittadini rivarolesi.”

Leggi anche...