martedì 4 Agosto 2020

FORNO CANAVESE – Venerdì 21 febbraio, presentazione di “Memorie di un gentiluomo di campagna”

Il libro di memorie scritto da Leonida (Nildo) Rolle e curato da Alessandro Alice

FORNO CANAVESE – Venerdì 21 febbraio alle 21, presso il Centro Anziani “Carlo Bersano”, in piazza Vittorio Veneto 1, verrà presentato il libro “Memorie di un gentiluomo di campagna – storie di vita nella Piccola Ruhr del Canavese” presso il Comune di Forno Canavese in Piazza Vittorio Veneto 1, e un’immagine della copertina del libro.

mobili brunassocoferlungonuovoBannerPaonessa

Si tratta di un libro di memorie, che l’autore, il fornese Leonida (Nildo) Rolle scriveva regolarmente sui suoi blocchi di appunti e poi portava ad Alessandro Alice, suo vicino di casa e amico, per essere “risistemati” al computer. Dopo una prima stesura è stato trovato l’editore che ha valutato positivamente il testo e dopo le operazioni necessarie, ha dato il via alle stampe.

La serata di venerdì, patrocinata da Comune di Forno Canavese e Biblioteca Civica di Forno Canavese, sarà introdotta da Ausilia Cinotto, anch’essa fornese con la passione per la fotografia, che farà una “ricognizione” del paese con storie e fotografie.

civicobannerCAMPAGNA AMICA BANNER 730originalvenariabannerpircc

SINOSSI

Ogni paese ha la propria storia, fatta di date, personaggi e avvenimenti. Ciascuno di noi, invece, filtra la storia attraverso il proprio ricordo: è così che nasce Memorie di un gentiluomo di campagna, ovvero dai racconti, dagli aneddoti, dai «C’era una volta…» di un paesello un po’ isolato, Forno Canavese, visto attraverso gli occhi di un uomo nato poco prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale e che ha attraversato la storia del boom economico del Secondo Novecento. Tante sono le storie su Forno e paesi limitrofi e tante le curiosità custodite nello scrigno dei suoi ricordi, dischiuse con entusiasmo nella sua personalissima narrazione.

INFO AUTORE – CURATORE

Nildo Rolle, classe 1938, uomo dai mille interessi, prima studente, poi operaio e infine pensionato e nonno, amante dell’alpinismo, degli sport estremi e della bonaria compagnia, si è prestato a raccontare liberamente la storia del proprio paese e delle sue particolarità alle orecchie di Alessandro, classe 1994, amico e dirimpettaio, laureato in Lettere e animato da una cronica curiosità verso questo tipo di testimonianza.

urbanlungofuorirottabanner1050 jpegbannercortinalungo2
forno memorie di un uomo di campagna 1

regioneaprile
cofer1cortinalocandmaggio2fuorirottaloc1locandinacivicoOriginal MarinesNuovaLocandinaPaonessaLocandinabrunasso1cortinamaggio2
prolococinemalocandina venaria estate 2020 1484LocandinaRestatescal
- Advertisement -
X