LANZO – Nelle valli di Lanzo, ieri sera, sabato 3 agosto, intorno alle 21.30, un uomo alla guida di una utilitaria, alla vista di un posto di controllo dei Carabinieri prima ha rallentato per non destare sospetti, ma quando il militare gli ha fatto cenno con la paletta di accostare, ha accelerato improvvisamente dandosi alla fuga a folle velocità lungo via delle Valli e poi percorrendo la strada provinciale 2 in direzione del capoluogo piemontese.

Il tempo di salire sull’auto di servizio e avvisare la centrale operativa della Compagnia di Venaria per le ricerche in area, quattro Carabinieri di due pattuglie delle Stazioni di Lanzo e Viù si sono subito posti all’inseguimento a sirene spiegate.

Lo hanno raggiunto dopo circa dieci minuti con non poche difficoltà legate a garantire comunque la sicurezza degli utenti della strada, poiché il fuggitivo per non farsi bloccare aveva imboccate strade in contromano, impegnando gli incroci anche con i semafori rossi in pieno centro abitato. Nel frattempo l’operatore della centrale ha comunicato alle gazzelle, via radio, che l’autovettura inseguita, una Lancia Ypsilon, era stata rubata poco prima nel vicino paese di Coassolo Torinese.

L’inseguimento si è protratto fino a Balangero, dove i militari sono riusciti a fermare il ladro, identificato in un nomade croato di 37 anni, con precedenti, domiciliato nel campo nomadi di via San Germagnano di Torino. In tasca del fuggitivo, i Carabinieri hanno trovato 40 euro rubati la stessa sera a un giovane di Coassolo, un paio di forbici a punta, una lametta tagliente, gr. 0,35 di “marijuana” e appurato che il suo tasso alcolemico era pari a 1.81 gr./l. L’autovettura e il denaro sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here