RIVAROLO CANAVESE – Poco più di cinque ore di consiglio comunale ieri sera, mercoledì 31 luglio, a Rivarolo Canavese.

Una seduta lunga, a tratti movimentata, e per niente noiosa.

Discussioni iniziate fin dai primi punti, relativi alle variazioni del Bilancio di Previsione, ma è con le interrogazioni e le mozioni, che la seduta è entrata nel vivo.

Un consiglio a tratti ironico, a tratti nervoso.

Diversi gli argomenti trattati, viste anche le numerose interrogazioni e mozioni presentate.

Scontro tra il consigliere Fabrizio Bertot e il Sindaco Alberto Rostagno, sulla rottamazione delle cartelle esattoriali, alla quale il comune di Rivarolo non ha aderito.

Un’interrogazione, a firma Riparolium e Roberto Bonome, riguardava la possibilità di realizzare dei parcheggi interrati nell’area delle ex scuole elementari, al di sotto del progetto di spazio urbano dell’amministrazione Rostagno. Parcheggi che, secondo il consigliere di Riparolium Fabrizio Bertot, si potrebbero far realizzare a privati interessati, pubblicatndo un project financing, che non comporta costi, per vedere se ci sono operatori privati interessati a realizzarlo. Proposta non presa in considerazione dalla Giunta Rostagno, che preferisce, a detta del vice Sindaco Francesco Diemoz, “che le cose vengano fatte per bene sulla base di studi e numeri”.

Battibecco tra Sindaco e il consigliere di Rivarolo Sostenibile Marina Vittone per quanto concerne l’asilo il Girotondo, per cui il Sindaco ha ribadito che l’obiettivo è quello di proseguire sulla linea della qualità, senza esternalizzare il servizio.

E ancora si è parlato di Ciac, interrogazione nella quale in Consigliere Martino Zucco Chinà ha chiesto di conoscere i propositi dell’Amministrazione in quanto partecipata, e la possibilità, già sfumata a suo tempo, di trasferire la sede Ciac di Valperga a Rivarolo.

Il Consigliere di Rivarolo Sostenibile, Sandra Ponchia, ha invece illustrato l’interrogazione riguardante il taglio erba e la cura delle aree verdi, alla quale l’Assessore Lara Schialvino, ha confermato le problematiche riscontrate e sottolineato che si intende procedere con l’affidamento a due aziende: una per le aree verdi e una per i bordi strada.

A movimentare la seduta sono state anche le mozioni, tutte bocciate dalla maggioranza. Ad esempio quella che riguardava l’apertura degli uffici il sabato mattina o in orario continuato o con un prolungamento dell’apertura. L’obiettivo della proposta, offrire la possibilità ai cittadini di accedere agli uffici comunali senza dover saltare ore di lavoro. Per l’amministrazione Rostagno una cosa non fattibile per il personale ridotto. Di diverso avviso i gruppi di opposizione che hanno ribadito che la carenza di personale riguarda soltanto le mansioni di cantonieri e di Agenti di Polizia Locale. Vittone e Ponchia hanno proposto di affidare la copertura di queste aperture ai funzionari di settore, idea bocciata senza replica dall’Amministrazione, che inoltre ha ribadito il fatto che ormai molte pratiche possono essere espletate da remoto.

Infine la mozione circa la decisione del Sindaco di assumere una persona di “staff”. I gruppi di minoranza hanno chiesto di ripensarci, adducendo al fatto che sia una figura non necessaria e che quelle risorse possono essere utilizzate in altro modo, magari aprendo dei cantieri lavoro.

Questa è una sintesi sommaria degli argomenti trattati, oltre alle varianti e all’istituzione delle Commissioni Permanenti, per avere il dettaglio di quanto è stato detto, delle discussioni e di quanto accaduto, ecco il VIDEO IN VERSIONE INTEGRALE DELLA SEDUTA.

SCORRERE PER GUARDARE LE FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here