giovedì 4 Marzo 2021

TORINO – Chiedevano informazioni stradali per distrarre le vittime: arrestati due ladri (VIDEO)

Si avvicinavano alle vetture appena parcheggiate: uno distraeva la conducente mentre l'altro rubava la borsa

TORINO – Due cittadini stranieri sono stati arrestati da agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Secondo subito dopo aver commesso un furto e poco prima che utilizzassero indebitamente una carta di pagamento appena rubata.

I poliziotti erano alla loro ricerca da qualche settimana; infatti, a partire dal mese di maggio scorso erano stati registrati nel quartiere Crocetta e San Secondo diversi furti ai danni di donne anziane alla guida della propria auto che, nel momento in cui si apprestavano a parcheggiare, venivano affiancate da una Fiat 500 bianca. Alla guida, in tutte le circostanze, una persona di origini straniere che chiedeva loro delle informazioni stradali con particolare insistenza. Nel momento in cui l’auto si allontanava, l’ignara vittima si accorgeva di essere stata derubata della borsa, posta sul sedile anteriore dell’auto lato passeggero.

Inoltre, impossibilitate a bloccare le carte e i bancomat poiché private del cellulare, tutte le vittime (i casi accertati sono 6, ma si teme che possano essere anche molti di più) sono state anche immediatamente derubate di importanti somme di denaro contante; in qualche caso, con tali carte, sono stati effettuati degli acquisti per importi superiori ai 1000 euro presso dei banchi di abbigliamento del mercato di Piazza Benefica.

L’attività investigativa del commissariato ha consentito di ricostruire tutti i movimenti dei malfattori, portando alla identificazione di almeno due degli autori dei furti (che non si esclude possano essersi avvalsi della complicità di un terzo uomo per alcuni colpi) e alla loro segnalazione alla Procura della Repubblica di Torino.

Ad uno dei due arrestati sono stati attribuiti 6 episodi al suo complice 2. Venerdì scorso, personale in servizio di Volante del Commissariato, ha ricevuto notizia dell’ennesimo furto, commesso con il modus operandi sopra descritto, in via Pastrengo, ai danni di una donna settantunenne.

La Volante ha effettuato allora dei giri di controllo presso i principali istituti bancari della zona. Parcheggiata nei pressi dell’agenzia Intesa S.Paolo di corso Bolzano/Corso Vittorio Emanuele è stata notata proprio una 500 bianca, alla cui guida c’era uno dei cittadini stranieri identificati quali autori dei furti: un cittadino marocchino di 31 anni. Subito gli agenti lo hanno fermato, riuscendo subito dopo a bloccare anche il complice, un algerino di 47 anni, che, all’interno della saletta prelievi della banca, stava prelevando una cospicua somma di denaro.

Dentro la 500 gli agenti hanno trovato la borsetta rubata poco prima alla signora ed un disturbatore di frequenze radio che, quando azionato, inibisce il funzionamento dei telecomandi delle autovetture, impedendone la chiusura. Inoltre, nel vano portaoggetti, è stato anche rinvenuto uno spray al peperoncino. In merito al possesso di questi due oggetti, i due maghrebini sono stati rispettivamente denunciati per possesso ingiustificato di strumenti atti ad aprire o forzare serrature e per porto di oggetti atti ad offendere.

La perquisizione presso la casa di uno degli arrestati ha, inoltre, consentito il rinvenimento e sequestro di oltre 3000 euro in contanti, cifra con ogni probabilità provento dei furti perpetrati.

Leggi anche...