mercoledì 21 Aprile 2021

RIVAROLO CON ROSTAGNO – Oggi vi raccontiamo una nuova storia. È la storia di chi vive quotidianamente l’agricoltura e le nostre frazioni

RIVAROLO CON ROSTAGNO – Pietro, il nonno di Tiziana Merlo, dal quale ha ereditato con la sorella stalla e campi, raccontava che quando si trattava di trovare una soluzione ad un problema nelle frazioni non c’erano rivalità

Spesso per sistemare le strade e portare alle case isolate l’acqua potabile si faceva ricorso ai contributi destinati dalla Regione all’agricoltura, affinché tutti ne potessero usufruire.

L’Europa era ancora sulla carta, ma l’agricoltura ancora una volta contribuiva a migliorare la qualità della vita, anche dei cittadini che vivevano in campagna. 
Questo spirito di solidarietà ha tutt’oggi un valore fondamentale, fare sistema per migliorare ulteriormente la qualità della vita che tanti vorrebbero, e che chi è nato fra i campi e stalle potrebbe condividere. Tiziana è una giovane imprenditrice, forse un po’ lontana dai computer, ma molto vicina alle problematiche di coloro che quotidianamente fanno impresa. Ha scelto di far crescere suo figlio in quell’ambiente, che a gran voce i giovani di oggi chiedono al mondo di salvaguardare, manifestando nelle piazze.

Tiziana rappresenta tutti quei cittadini che vivono e lavorano nelle frazioni. Luoghi lontani dal centro ma non per questo meno importanti per le scelte e la gestione di una Città.

Chi vive nelle frazioni deve costruire le basi della partecipazione alle scelte, non solo quando si è chiamati alle urne, ma ogni giorno dell’anno. Perché in ogni giorno dell’anno ci sono prati, campi, rogge e cielo davanti ai loro occhi. Sono custodi di questo patrimonio naturale che ci è stato prestato e che dovrà essere consegnato, possibilmente migliorandolo alle generazioni che verranno.
Comunque vada, Tiziana e sua sorella alleveranno bovini piemontesi anche in futuro, anche dopo le elezioni.

C’è una storia, che dovrà essere raccolta e poi ricomposta con lo scopo di farla divenire patrimonio di tutti i cittadini. Questa storia tramandata da secoli, oggi, vede un nuovo sviluppo grazie anche alle nuove tecnologie, che possono avvicinare ulteriormente i giovani al mondo dell’agricoltura.

Sarebbe interessante, poter rivolgersi ai rivarolesi, invitandoli in campagna, quella di Argentera Pasquaro, Obiano, Sant’Anna e di tutte le altre frazioni, per apprezzare il lavoro agricolo, che da generazioni la famiglia di Tiziana così come tante altre famiglie portano avanti per difendere quell’ambiente che oggi è sulla bocca di tutti mentre per loro è sotto i piedi ogni giorno.

Leggi anche...

spot_img