domenica 1 Agosto 2021
domenica, Agosto 1, 2021
spot_img

BUSSOLENO – Arrestata una rapinatrice: con i complici aveva aggredito e rapinato la titolare di un negozio

La commerciante voleva chiudere, ma non lo farà: “ I carabinieri mi hanno dato la forza di continuare e di andare avanti”

BUSSOLENO – Aveva deciso di chiudere il suo negozio di abbigliamento dopo una cruenta rapina avvenuta in pieno centro a Bussoleno, ma l’arresto dei carabinieri di un componente della banda le ha fatto cambiare idea.

[su_slider source=”media: 179285,179286″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Nel pomeriggio del 22 settembre scorso, due donne e un uomo erano entrati nell’esercizio commerciale per chiedere informazioni su alcuni capi di abbigliamento. Improvvisamente, mentre la titolare stava prendendo dall’espositore un vestito, la donna è stata spinta violentemente a terra. Una delle rapinatrici l’aveva tenuta bloccata a terra mettendole un piede sulla schiena e addirittura le erano stati tolti gli occhiali da vista in modo che non riuscisse a vedere bene in volto i rapinatori.

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Mentre era bloccata, uno dei malviventi aveva asportato 5000 Euro dal fondo cassa. L’attività investigativa dei militari di Susa, grazie ai sistemi di videosorveglianza della zona, ha permesso di identificare una delle rapinatrici, quella più violenta, che aveva bloccato la donna a terra mettendole un piede sopra la schiena per evitare che potesse muoversi. Si tratta di donna di 24 anni di etnia sinti, senza fissa dimora.

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il G.I.P del Tribunale di Torino, su richiesta della Procura della Repubblica di Torino, concordando con le risultanze investigative dei carabinieri, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. I carabinieri hanno eseguito altre 3 perquisizioni domiciliari a Torino, Parma e Savona e la posizione di altri sospettati adesso è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria. Gli altri due indagati della rapina e denunciati all’A.G, che sono familiari dell’arrestata, risultano tuttora ricercati.

La titolare del negozio ha ringraziato i Carabinieri: “Stare da sola in negozio da quel giorno mi terrorizzava. Volevo chiudere. I carabinieri mi hanno dato la forza di continuare e di andare avanti”.

[su_slider source=”media: 179291,179289,179288,179290″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img