TORINO / RONDISSONE – Si è appena conclusa la manifestazione con corteo di circa 300 appartenenti all’area anarco insurrezionalista provenienti anche da diverse regioni d’Italia.

[rev_slider alias=”paonessa”]

Il corteo sotto attenta sorveglianza di oltre 150 uomini delle Forze dell’Ordine organizzate in un dispositivo caratterizzato da fluidità e mobilità e predisposto dal Questore di Torino Francesco Messina, ha tentato inutilmente di raggiungere il centro cittadino.

L’iniziativa non preannunciata e organizzata da aderenti i al posto occupato di matrice anarco insurrezionalista “Asilo Principe di Napoli” allo scopo esprimere dissenso contro il “Decreto Sicurezza”, contro le Forze di Polizia, nonché contro le misure di prevenzione adottate nei confronti di alcuni militanti “libertari” sottoposti alla “sorveglianza speciale” ha avuto inizio da piazza Solferino e ha percorso alcune vie che lo hanno ricondotto verso il mercato di Porta Palazzo e infine verso il sopracitato posto occupato.

[su_slider source=”media: 175353,162328″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il suddetto dispositivo ha riguardato altresì l’esecuzione di specifici servizi preventivi, già a partire dal pomeriggio di ieri venerdì 14 dicembre, sia in ambito cittadino che extra urbano, durante i quali personale della Polizia di Stato ha identificato circa 60 persone provenienti da diversi contesti territoriali e viaggianti a bordo di 15 mezzi.

[rev_slider alias=”librofiori”]

Nelle ore antecedenti la manifestazione gli uomini della DIGOS della Questura di Torino, a seguito di uno dei predetti servizi preventivi, ha bloccato al casello autostradale di Rondissone un’autovettura con a bordo 5 anarco insurrezionalisti provenienti dalla provincia di Bolzano e intenzionati a partecipare alla manifestazione di Torino.

[su_slider source=”media: 119356,147401,144690″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

All’interno dell’autovettura gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato 4 caschi neri da moto, una maschera antigas con 2 filtri, una mascherina da lavoro con filtro, un passamontagna nero, 3 occhialini da piscina, una giacca a vento nera con cappuccio e una maglietta nera riportante una scritta e un disegno gravemente offensivi contro il Ministro degli Interni, Senatore Matteo Salvini.
I 5 identificati, accompagnati presso la questura, sono stati denunciati per possesso di strumenti atti a offendere.
Il Questore di Torino, al termine del servizio, si è complimentato con i Dirigenti e con tutto il personale per la delicatissima gestione del servizio.

[rev_slider alias=”urb”]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here