SORDEVOLO – ‘I silenzi della neve’ : questo il nome scelto per la personale del pittore Giorgio Marinoni. La mostra è stata inaugurata sabato scorso e rimarrà aperta fino al 9 dicembre sabato e domenica in concomitanza con il ‘Mercatino degli Angeli’ che anima il centro della Valle Elvo nel periodo pre-natalizio.

Le sale che ospitano gli acquerelli di Marinoni sono quelle ‘Villaggi d’Europa’, ovvero accanto al Municipio di Sordevolo.
Giorgio Marinoni con questa esposizione si inserisce nel filone dei pittori Biellesi che tanto amavano catturare la soffice dolcezza della neve, come nel caso di Placido Castaldi o di Giuseppe Bozzalla, a loro volta emuli di Delleani, il pittore delle montagne Biellesi.
Non a caso il curatore della mostra è Gian Mario Tha che ha curato le ultime esposizioni di questi tre artisti e che firma anche la disposizione di questa mostra nella quale la neve è catturata in vari e precisi momenti : di notte, sotto le luci dei lampioni, di giorno mentre le nubi si diradano, con i corsi d’acqua dove non può posarsi e, naturalmente, mentre cade copiosa.

Scenografia della neve sono gli scorci della Valle Cervo, di Oropa, della Valle Elvo in un rincorrersi di scorci ed inquadrature dove l’acquerello è tecnica realista e non macchia di colore secondo una evoluzione che anche qui ha maestri illustri come Epifanio Pozzato, acquerellista Biellese.
In conclusione il percorso della mostra ‘I silenzi della neve’ è la degna conclusione della strada intrapresa da Marinoni fin dagli anni ’90 quando (era il 1995) si affacciava al mondo dell’arte con la sua prima personale nella sua Pollone e che ora, a sue precise parole, conclude qui questa parte di persorso, con l’intenzione di guardare al mondo urbano e non solo più alla natura, in una ricerca che non può ridursi al solo silenzio.

nfimpiantibanner
coferbanner

‘Se volete pace -ha spiegato alla inaugurazione della mostra Gian Mario Tha- venite a Sordevolo per godere dei silenzi della neve di Giorgio Marinoni’.

La mostra ha orario 15-19 il sabato e 10-18 la domenica.

ilbere
Tritapepe

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here