VENARIA REALE – Alle ore 15 del 4 novembre 1918 le operazioni di guerra cessarono. Ne seguì la proclamazione della fine della Grande Guerra, la prima guerra mondiale che, con il bollettino emanato dal generale Armando Diaz, capo di stato maggiore del Regio Esercito, esaltava la vittoria su “uno dei più potenti eserciti del mondo”.

Circa due mesi dopo, il 18 gennaio 1919, iniziarono in Francia, a Versailles i trattati di pace. La Città di Venaria Reale e la Presidenza del Consiglio comunale, insieme al Comitato Giorno della Memoria, ha organizzato molti eventi celebrativi per la commemorazione del Centenario della fine della Grande Guerra. Dichiara Andrea Accorsi, presidente del Consiglio comunale «Tutto ciò è il risultato del proficuo impegno da parte di tutte le associazioni coinvolte. Ringrazio anticipatamente il preside Ugo Mander, la vice preside Assunta Madera, il vice preside Eros Cappellazzo e il corpo docente degli Istituti Comprensivi Venaria 1 e 2 per l’attenzione che prestano in occasione delle ricorrenze Istituzionali. Il  legame con il territorio venariese, insieme al ricordare per non dimenticare, sono il filo conduttore di tutte le ricorrenze organizzate  dalla Presidenza del Consiglio comunale e dal Comitato della Memoria. Negli ultimi anni la sinergia tra Comune, associazioni, insegnanti e studenti, ha portato al raggiungimento di una partecipazione ed uno spirito d’iniziativa senza precedenti.

nfimpiantibanner
coferbanner

Quest’anno abbiamo utilizzato la tecnologia, sia a Teatro sia nelle scuole, attraverso le LIM, per coinvolgere le classi nelle iniziative promosse. Confido quindi, nella partecipazione delle famiglie, attraverso l’impegno dei bimbi al Corteo Istituzionale e alla premiazione dei loro progetti». Sono previste iniziative rivolte alla Città che avranno inizio a partire da lunedì 22 ottobre. Fino a venerdì 26 ottobre, alla scuola De Amicis, “Venaria Ricorda…”, mostra fotografica ed esposizione del Bollettino della Vittoria del Generale Armando Diaz, a cura dell’Unione Edili e Affini, per l’occasione la Factory ha prodotto un video che da oggi viene trasmesso a tutte le scolaresche Venariesi che non riusciranno a raggiungere la mostra; attraverso le LIM gli alunni apprenderanno ciò che è stato riattato dall’Unione e produrranno piccoli progetti che saranno esposti e premiati nella giornata conclusiva delle iniziative, domenica 4 novembre alle ore 17.00 presso il Teatro Concordia. La Pro Loco Altessano Venaria Reale, presenta un progetto di rilevanza ed interesse storico culturale sulla Prima Guerra Mondiale, dal titolo “Venaria Reale ricorda il MCMXVIII”. Esposta nella Sala espositiva Comunale, in via Mensa 34, con orario 10:00-12:00 e 16:00-18:30, dal 25 ottobre fino al 4 novembre.

ilbere
Tritapepe

In mostra, oltre a fotografie e cimeli storici, vi sarà anche il libro ufficiale sulla Guerra del Ministero, “Non chiamatelo Fiume”, con l’elenco dei caduti Venariesi. Per queste due iniziative è stato concesso, dalla Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il logo ufficiale delle “Commemorazioni del Centenario alla Prima Guerra Mondiale” e il patrocinio. Sabato 27 ottobre e 3 novembre, alle ore 21:00 nella parrocchia di San Francesco, in corso Papa Giovanni XXIII, il Coro Tre Valli Città di Venaria Reale, con la partecipazione delle formazioni femminili e maschili, diretti dal maestro Giovanni Piscitelli, propone un percorso di conoscenza storico attraverso il canto, l’uso di video e fotografie, che racconta il difficile percorso che fece l’Italia per essere Unita, attraverso tre Guerre d’Indipendenza e una Mondiale, con le testimonianze, le immagini ed i filmati per uno spettacolo che non esalta la guerra, ma dà voce ai veri protagonisti: i soldati e la gente comune che “fecero l’Italia” col sangue e i sacrifici. Il 27 ottobre è in programma la serata “Dal Risorgimento all’Unità d’Italia”. Il 3 novembre la serata dal titolo “La grande guerra: ultima guerra d’indipendenza”. Ingresso libero.

Lunedì 29 e martedì 30 ottobre, al Teatro della Concordia, i ragazzi delle scuole elementari e medie di Venaria Reale, negli orari 8:30 e 12:00, assisteranno allo spettacolo teatrale interattivo “Three ants story”, a cura del coreografo Riccardo Genovese. La rappresentazione, creata in occasione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, catturerà l’attenzione dei ragazzi con una scenografia digitale e con interazione attiva tra attori e pubblico, raccontando la storia di Leo, nato nel 1899, dei suoi amici e coetanei Ste e Sara, che al termine dell’anno scolastico incappano, purtroppo, nella Grande Guerra. Domenica 4 novembre il corteo Istituzionale a partire dalle ore 15:00 con ritrovo in piazza Martiri della Libertà, percorrerà le vie della Città, per rendere onore ai caduti, presso i principali monumenti cittadini.

Poi, nel foyer del Teatro Concordia, alle ore 17:00, ci saranno i momenti conclusivi in programma per la ricorrenza, ingresso gratuito comprensivo di apericena, musiche e balli con costumi dell’epoca, che chiuderanno il percorso volto alla commemorazione del primo Centenario dalla fine della Grande Guerra, si invitano i bimbi e i genitori alla premiazione dei progetti presentati per il concorso “Venaria ricorda…”. Infine, lunedì 5 novembre, dalle ore 8:30 alle 12:00, “Caserme aperte”, l’ormai tradizionale percorso didattico per gli studenti degli istituti scolastici  cittadini, nella base del 34° Squadroni Aves Toro in via Grassi. Molte sono le associazioni del territorio che hanno collaborato attivamente alla realizzazione di questo intenso programma. Dalla Pro Loco Altessano Venaria Reale e gli Amici della Biblioteca per la logistica, alle associazioni d’Arma, all’Avis, ai Vigili del Fuoco distaccamento di Venaria, al Corpo musicale Giuseppe Verdi Città di Venaria Reale, alla Crisalide di Ieri e di Oggi, alla Croce Rossa di Druento, alla Croce Verde di Venaria, alla Polizia Municipale, ai Carabinieri di Venaria, alla Protezione Civile, al Corpo Volontari A.I.R. Piemonte, al 296 Model Venaria, all’A.N.M.I. e con il contributo di ASM Venaria e Calabrese di Francesco Srà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here