CASELLE TORINESE – L’autonomia del comune di Mappano rischia di mettere nei guai il comune casellese, infatti la giunta Baracco teme le sanzioni della Corte dei Conti.

Il rischio di non riuscire a mantenere l’invarianza di spesa è sempre più concreto. Con queste meste parole, l’assessore Giovanni Isabella ha presentato il bilancio previsionale 2018: “Abbiamo creduto fino in fondo alla concertazione. Tanto che i Comuni di Borgaro, Leini, Settimo e Mappano hanno già approvato il loro bilancio di previsione. Solo noi siamo rimasti con la classica candela in mano”.

ilbere
coferbanner

Il consiglio ha approvato il documento lunedì 14 maggio, mentre, per legge, l’approvazione sarebbe dovuta avvenire a fine marzo. Ha affermato il sindaco Luca Baracco: “ Ringrazio la Prefettura per la sensibilità dimostrata verso il nostro caso. Sono pervenute solo ammonizioni orali e non richiami scritti per il ritardo nel discutere il documento”. Il dialogo “impossibile” con il Comune di Mappano è stato l’argomento principale dibattuto per quasi tutta la seduta consiliare.

I timori della giunta sono stati espressi da Isabella in poche frasi: “Non avendo concertato le spese ci potrà essere il rischio di essere convocati dalla Corte dei Conti. Dal punto di vista tecnico-politico sono tranquillo, è stato fatto il massimo sforzo per arrivare alla concertazione. Lo possiamo dimostrare con documenti alla mano. Vedremo se saremo interpellati. Stabiliremo allora di chi saranno le colpe e le responsabilità”.

Il grattacapo principale è la spesa del personale, come ha fatto notare il capogruppo di minoranza Luigi Chiappero: “Se non ci si mette d’accordo sul personale, l’invarianza è persa fin da subito. La Corte dei Conti potrebbero chiederci i soldi indietro e ci rimetteremmo dei beni di natura personale”. Per tutelarsi da eventuali “buchi di bilancio”, il Comune di Caselle ha preso alcune misure cautelative.

I motivi li ha spiegati Baracco: “Non nascondo le difficoltà a giungere a stilare un bilancio con cifre affidabili, visto che non siamo riusciti a giungere a un accordo. La nuova municipalità ci deve 380 mila euro per i servizi residuali e l’ammortamento dei mutui. A cui si aggiungono 360 mila euro di rimborso per il personale in comando al nuovo ente. Sono state messe in campo azioni di prudenza. Il fondo crediti di dubbia esigibilità è stato mantenuto del 100%. Quindi si è fatto in modo di non impiegare una fetta importante di sanzioni amministrative sulle spese correnti e sui servizi ai cittadini. Così da non appoggiare il bilancio su una voce estremamente variabile. Gli investimenti saranno fatti con risorse dell’ente, evitando l’accensione dei mutui. Infine, si è costituito un fondo rischi che copre al 50% gli importi che il Comune di Mappano deve restituirci. La partita più delicata è quella sul personale. Contiamo di firmare l’accordo entro fine anno.”

gymtonic
Allianz 2 modifica jpeg

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here