SAN GIORGIO CANAVESE – Proseguiamo nel nostro viaggio alla scoperta della 4° edizione del Mercato della Terra e della Biodiversità.

Il termine “biodiversità” richiama anche l’unione di tre comuni uniti, nel progetto denominato appunto “Parco della Biodiversità”, nato nel 2017 dalla sinergia tra San Giorgio Canavese, Nomaglio e Montalto Dora.

Tre comunità che si riconoscono ciascuna in un prodotto che rappresenta l’identità e le radici del Comune stesso: San Giorgio Canavese con la piattella; Nomaglio con la castagna e Montalto Dora con il cavolo verza.

“Valorizzare le biodiversità del Canavese trovando l’identità del territorio – spiega il Sindaco di Nomaglio, Ellade Peller – Puntare sulle eccellenze del territorio per identificare il brand del Canavese e puntare sul fattore di sviluppo attraverso gli aspetti diversi di ciascun comune,e attraverso il prodotto, toccare gli altri aspetti fondamentali, quali la cultura, l’economia, il benessere, la salute, l’alimentazione, la didattica, la storia.”

Lo sviluppo del tessuto locale attraverso le peculiarità di ciascuno, unendo aspetti tanto diversi, come appunto la piattella, la castagna e il cavolo verza, che creano una rete e rafforzano l’identità del territorio.

GUARDA L’INTERVISTA AL SINDACO DI NOMAGLIO ELLADE PELLER

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here