POLITICA – Futura è un movimento di opinione a finalità politiche, nato nel 2004 da un’idea di Michele Laganà e che ad oggi ha già portato alla creazione di 600 liste in altrettanti comuni italiani e già molto presente in diverse regioni come Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna.

ilbere
gymtonic

Nei primi giorni di marzo, Acotto Alessandro, ex militante Lega Nord, rispecchiandosi in pieno nei valori e negli ideali di Futura, decide di contattarne i dirigenti del coordinamento Nazionale per portare il movimento anche in Piemonte e scendere in campo per portare la voce dei cittadini piemontesi all’interno delle Istituzioni.

Il 23/03/2018, a seguito di un incontro avvenuto a Torino, Michele Laganà, presidente nazionale di Futura conferisce ad Acotto Alessandro, l’incarico di coordinatore per la Regione Piemonte di Futura dando vita alla sezione regionale del movimento.

 

A seguito di tale incarico, Acotto Alessandro, (che oltre al coordinamento regionale, svolgerà anche la funzione di coordinatore per la provincia di Torino) ha conferito l’incarico di coordinatrice per la provincia di Novara a Sacchi Enrica.

Attualmente stiamo lavorando per portare gli ideali di futura in tutti i comuni piemontesi e per creare i vari coordinamenti provinciali e circoscrizionali.

Futura, – affermano – è un movimento aperto a tutte le persone che hanno voglia di fare il bene del loro territorio, e chiunque si rispecchi nei nostri valori, può contattare la segreteria del movimento direttamente dal sito www.piemontefutura.it , dal sito www.futura2004.org, o scrivendo una mail a alessandro@piemontefutura.it non è richiesta nessuna quota di iscrizione ma basta la semplice adesione compilando l’apposito modulo. In vista delle prossime elezioni amministrative che avverranno questa primavera e che vede coinvolti 63 comuni piemontesi, siamo disponibili a dare il nostro supporto a tutti quelli che si rispecchiano nei nostri ideali ed intendono creare una lista nel proprio comune ed utilizzare il nostro logo.”

growupcerimonie
Allianz 2 modifica jpeg

IL DECALOGO DI  FUTURA

La difesa della sacralità della vita e della famiglia; La piena difesa dell’identità nazionale nel rispetto delle tradizioni locali; L’affermazione di una democrazia paritaria con la eliminazione delle discriminazioni ancora presenti nei confronti delle donne; La tutela dei portatori di handicap; La difesa delle radici cristiane da inserire imprescindibilmente in una Costituzione europea da riscrivere; Il blocco di ogni ipotesi di allargamento dell’UE a Paesi che non abbiamo le tradizioni dei popoli europei; Il mezzogiorno, da intendersi come questione nazionale nel suo complesso per renderlo centro strategico del Mediterraneo; La realizzazione di una politica sociale ed economica che vada contro la logica del lavoro precario, che protegga i cittadini dai costi del credito e dell’usura, che difenda il potere di acquisto dei salari contro l’euro anche attraverso la tutela dei prodotti italiani, che stabilisca un fisco più equo e tutelante verso i ceti sociali più deboli; Ordine e sicurezza per difendere gli italiani, partendo da una serrata lotta alla immigrazione clandestina.

Tritapepe
Pandolfini
primocontattolungonuovapertura

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.