CASELLE TORINESE – Riceviamo dalla Società Bertetto Center in merito alla questione della fideiussione falsa, e pubblichiamo integralmente:

“La Società Bertetto Center dichiara di essere rimasta sorpresa e sconcertata nell’apprendere che la polizza fideiussoria, posta a garanzia degli oneri di urbanizzazione per l’ampliamento di 1.200 mq. dell’immobile dell’ex Mobilificio Bertetto, ora centro commerciale “Bertetto Center”, a Caselle Torinese, possa essere falsa.

[su_slider source=”media: 147401,143165″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Di conseguenza, respinge con decisione ogni eventuale addebito e ribadisce con forza che, nell’ipotesi in cui fosse acclarata la falsità del documento fideiussorio, essa sarebbe vittima di una truffa o di un errore non imputabile alla Società stessa.

Conseguentemente, al fine di tutelare la propria immagine ed onorabilità, ha conferito mandato ai propri legali per agire nelle sedi opportune.

[rev_slider alias=”maf”]

La Società Bertetto Center ci tiene a precisare che:

– a favore del Comune di Caselle sono stati realizzati, senza richiesta di scomputo e quindi verranno ceduti gratuitamente al termine dell’operazione, lavori per circa € 400.000;

– sono stati versati circa € 114.000 a fronte di una richiesta di circa € 458.000, a titolo di oneri di urbanizzazione relativi all’ampliamento di 1.200 mq. del già esistente edificio. Importo ovviamente contestato e per il quale pende ancora ricorso innanzi al Consiglio di Stato.

[su_slider source=”media: 146114,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

A garanzia dell’eventuale cifra residua, il cui importo è ancora incerto e che verrà determinato, se dovuto, in sede giurisdizionale amministrativa, è stato richiesto alla Società Bertetto Center più di una polizza fideiussoria. Si fa presente che la stessa Società, per evitare inutili maggiori spese, aveva fornito al Comune la propria disponibilità di accendere un’ipoteca volontaria sull’immobile stesso, ricevendone un rifiuto; dopodiché ha inviato al Comune stesso, a mezzo PEC, una bozza di una nuova polizza fideiussoria, per la sua approvazione, a copertura di quella in scadenza, oggetto di verifica. PEC rimasta ad oggi priva di risposta.”

[rev_slider alias=”urb”]

[su_slider source=”media: 144690,132564,139264″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here