FAVRIA – Una seduta di Consiglio Comunale movimentata, quella che si è svolta ieri sera, martedì 6 marzo, a Favria.

Il punto principale all’ordine del giorno era il bilancio, ed è proprio su quello che sono nate le maggiori discussioni. O meglio, più che sul bilancio, su un emendamento allo stesso, che riguardava la questione della transazione firmata dall’ex Sindaco Serafino Ferrino, e deliberata dalla Giunta di allora, per il fallimento della M.G.L.Gest, ex gestore della Casa di Riposo Domenico Nizzia (all’epoca chiamata Casa del Sole).

[su_slider source=”media: 143165,125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Una storia, quella della Casa del Sole, intricata, che fece molto parlare di sé sui giornali.

Secondo la maggioranza, la transazione concordata con il curatore fallimentare, che impegnava il Comune a pagare la somma di 1.364.523,40 euro suddivisa in rate mensili da 12mila 500 euro per dodici anni, è nulla: “Perchè non è stata approvata in Conisglio, perchè non sono stati accantonati i fondi e perchè il decreto ingiuntivo che ordinava il pagamento non è mai stato notificato. – Ha affermato Silvio Carruozzo – quindi è nullo. Inoltre l’accordo è stato firmato qualche giorno prima delle elezioni. I cittadini non pagheranno.»

[su_slider source=”media: 146114,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Il consigliere di minoranza, Francesco Manfredi ha chiesto che cosa accadrà a Favria non pagando. Dopo un acceso battibecco con toni alquanto forti, Carruozzo ha detto: «Non accadrà nulla perchè non è valido. Manderemo tutto alla Corte dei Conti.»

Argomento che ha spronato il Revisore dei Conti, presente in Consiglio per parlare del bilancio, che invece dei numeri ha espresso un parere circa la vicenda, punzecchiandosi con il consigliere di minoranza Gianni D’Aloia.

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Le discussioni si sono chiuse rimandando la parola ai nuovi legali di fiducia ai quali il Comune si è appoggiato. La minoranza è uscita dall’aula e non ha partecipato alla votazione, per “mancanza di collaborazione da parte della maggioranza su queste decisioni, prese in autonomia senza interpellare l’opposizione e senza istituire la Commissione Bilancio, tanto voluta in passato dallo stesso Sindaco quando era in opposizione.”

[su_slider source=”media: 119356,116078,144835″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

GUARDA IL VIDEO INTEGRALE DEL CONSIGLIO

[su_slider source=”media: 109265,144690,144691″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here