lunedì 1 Marzo 2021

VENARIA REALE – Barbara Virga esce dal gruppo consiliare Partito Democratico

Virga: “Ricomincio da Venaria & Futuro”

VENARIA REALE – Il consigliere comunale di Venaria Reale, Barbara Virga ha comunicato, ai sensi dell’art.15 Regolamento Consiglio Comunale, la propria volontà di uscire, con decorrenza immediata, dal Gruppo consiliare Partito Democratico per confluire, come prevede il Regolamento, nel Gruppo Misto di Minoranza, sempre come consigliere indipendente, cioè senza tessera partitica, come del resto già si colloca nel gruppo di provenienza.

[su_slider source=”media: 143165,125676,140168″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«Il Regolamento – precisa Virga- non permette infatti di dar vita ad un Gruppo Consiliare autonomo, contraddistinto da propria denominazione e simbolo. Nel 2015- commenta Virga- il Partito Democratico, nella persona dell’allora Segretario locale architetto Elio Perotto, che ringrazio per l’opportunità concessami, mi ha proposto una candidatura tecnica nelle liste del Partito Democratico, in cui non sono mai stata tesserata, in virtù del mio curriculum professionale di giornalista conoscitrice del territorio, dei miei trascorsi nell’associazionismo locale e delle mie competenze nell’Europrogettazione, doti ritenute utili al futuro della città.»

[su_slider source=”media: 141879,139264,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«La candidatura ha inoltre dato modo al PD di coprire le quote rosa obbligatorie. All’accettazione della candidatura, ho ricevuto ampie garanzie di indipendenza nella mia azione politica in caso di elezione, che poi si è effettivamente verificata con uno straordinario risultato personale in termini di preferenze, in contrasto peraltro con la sonora sconfitta subita dal partito e dalla coalizione. Con i mutamenti intercorsi nell’assetto del circolo locale, che ha perso tra gli altri il capogruppo e lo stesso segretario Perotto, le garanzie di indipendenza della mia azione sono venute meno, soprattutto rispetto al mio impegno su temi generali e trasversali a me molto cari come la lotta Antimafia, quella contro la violenza sulle donne e gli argomenti di carattere sociale.»

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«Per queste ragioni, onde tener fede all’impegno da me assunto con gli elettori già in campagna elettorale, di portare avanti un’azione politica costruttiva, determinata esclusivamente dagli interessi della città e non da logiche di partito, dopo ampia riflessione ho maturato l’idea di poter meglio svolgere il mandato affidatomi dai cittadini con largo consenso, uscendo dal gruppo consiliare del PD e confluendo, come da Regolamento, nel gruppo misto di minoranza, in cui potrò agire in assoluta autonomia. Resto disponibile –aggiunge Virga- a portare avanti qualsiasi iniziativa ritenga utile per la città, indipendentemente dall’area di provenienza, comprese quelle proposte del PD che ritenessi utili per Venaria. Da sempre, prima per la professione giornalistica svolta, poi per l’impegno nell’associazionismo e infine in quello politico, mi caratterizzo come “animale di territorio”, che conosco e vivo quotidianamente. E intendo continuare su questa strada, facendo rivivere l’esperienza della storica associazione da me fondata intorno al 2000, Venaria & Futuro, che a suo tempo mi portò a presiedere la Consulta Ambiente e Territorio e ha dato a suo tempo un contributo valido, attraverso istanze e petizioni, a numerosi temi ambientali e sociali».

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...