martedì 20 Aprile 2021

BUSANO – Rifiuti e Smat: due problematiche sollevate dal Sindaco Chiono (VIDEO)

Raccolta rifiuti: divisione del territorio in due macro aree; Smat: conguaglio retroattivo di cinque anni

BUSANO – Il Sindaco Giambattistino Chiono e tra i primi cittadini più decisi e determinati del Canavese. Da tempo sta portando avanti le sue battaglie per il bene del territorio, ora affiancato dal Sindaco di Ozegna Sergio Bartoli.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Tra queste la lotta alla nuova normativa, non ancora approvata, che riguarda la raccolta rifiuti e che dovrebbe dividere la città metropolitana in due macro aree: una con Torino e l’altra con il resto dei comuni. Questo comporterebbe un aumento del costo della raccolta e smaltimento per i comuni del Canavese, perchè anche qui il costo sarebbe uguale per l’intera area calcolato con un abbassamento per i comuni grandi della prima cintura di Torino e con un aumento per i comuni canavesani. I Comuni non avrebbero più un’autonomia decisionale in merito.

[su_slider source=”media: 133622,132535,125676,110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Un’altra lotta che sta portando avanti il Sindaco Chiono riguarda l’attuazione della nuova bollettazione Smat, con un conguaglio retroattivo di cinque anni. Ma la legge non può essere retroattiva, e non si possono aggiungere costi che non erano previsti negli anni precedenti all’uscita della legge.

Il Giudice di Pace ha dato ragione al Sindaco Chiono, attraverso la decisione di condannare Smat alla restituzione di circa 300 euro ad un cittadino che aveva fatto ricorso.

[su_slider source=”media: 119356,116078,109265,132564″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

«Sto cercando di smuovere i sindaci canavesani – afferma il Sindaco di Busano – di fronte a queste cose. Non possiamo stare a subire passivamente, dobbiamo reagire uniti prima che vengano approvate le leggi, altrimenti dopo non potremo fare più nulla. Già così abbiamo poco peso, se lasciamo passare queste cose sarà peggio.»

[su_slider source=”media: 133233″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

GUARDA IL VIDEO


[su_slider source=”media: 130212″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”1600″ height=”220″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,109272″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img