mercoledì 12 Maggio 2021

CIRIÈ – Aggressione all’Oratorio Magnetti

CIRIÈ – La notizia dell’aggressione di un operatore dell’Oratorio Magnetti di Cirié ha destato molto scalpore in città. Alcuni giorni fa, un operatore addetto alla gestione della struttura è stato vittima di un’aggressione da parte di un giovane di appena 18 anni.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

L’uomo, un quarantenne, ha riportato, durante la colluttazione la frattura di un dito e il distacco della retina di un occhio a causa dei pugni ricevuti.

Durante la colluttazione sarebbero stati coinvolti altri giovani, qualcuno per cercare di porre fine a questa incresciosa rissa e altri a dar man forte all’aggressore.

A scatenare la rissa sembrerebbe essere stato l’invito dell’educatore a far uscire dal campetto di calcio, che si trova all’interno dell’oratorio, il cane che il ragazzo aveva con sè in quel momento.

Da lì si è scatenato il parapiglia che solo la Polizia Municipale arrivata sul posto, è riuscita, a fatica a sedare e dando al personale medico di prestare i primi soccorsi all’infortunato. Nel frattempo la Parrocchia diretta da don Alessio Tognolo, considerando altri episodi analoghi avvenuti in passato, ha deciso come da cartello apposto sui portoni degli ingressi dell’oratorio, di vietare l’ingresso a ragazzi con più di 14 anni di età. Il cartello affisso recita: “Con grande amarezza e dispiacere, in accordo con le forze dell’ordine, a seguito dei recenti atti di violenza all’interno dell’oratorio, che si aggiungono a numerose calunnie ed offese verbali nei confronti dei responsabili e dei collaboratori della struttura, ci vediamo costretti a vietare l’ingresso a tutti i ragazzi con età superiore a 14 anni fatta eccezione per gli animatori. L’oratorio è una struttura parrocchiale educativa che accoglie tutti coloro che sono disposti a stare all’interno di un luogo di chiesa con profondo rispetto e prendendo in considerazione un serio cammino di crescita personale. La trasgressione di questa ordinanza diventerà oggetto di immediata denuncia”.

[su_slider source=”media: 125676,110138″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

 

Il parroco don Alessio Tognolo commenta con amarezza questo episodio: “Si è trattata di una reazione assurda e spiace che si sia verificata quando all’interno vi erano numerosi bambini. Gli spazi del nostro oratorio sono aperti a tutti, ma sempre nel rispetto delle regole della pacifica convivenza. Per nostra fortuna non tutti i ragazzi si comportano in modo poco educato”. Questa vicenda porterà sicuramente a risvolti giudiziari, ma rimane il rammarico da parte di tutti per quello che è successo nella speranza che non si verifichino più episodi del genere.

 

[su_slider source=”media: 119356,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 100996,100993″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img