spot_img
domenica 26 Settembre 2021
domenica, Settembre 26, 2021

CASELLE TORINESE – All’aeroporto sequestrata valuta non dichiarata per oltre 200mila euro

CASELLE TORINESE – Ammonta ad oltre 200.000 euro la valuta contante non dichiarata individuata dalla Guardia di Finanza di Torino presso lo scalo Aeroportuale “Sandro Pertini” negli ultimi due mesi.

Una decina i soggetti fermati mentre tentavano di superare i confini doganali con al seguito denaro non dichiarato. La stragrande maggioranza in partenza per il continente asiatico, Cina in particolare, molti anche per i paesi dell’est Europa, Romania su tutti. Fondamentale per la riuscita degli interventi, si è rivelata la presenza ed il fiuto del “cash-dog” Zeby, l’unità cinofila in servizio presso lo scalo torinese, che ha consentito di individuare l’ingente flusso monetario nonostante gli stratagemmi usati per occultare il denaro: dalla doppia fodera di giacche e pantaloni, agli interni delle cinture fino nei doppi fondi di scarpe.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

Le investigazioni dei Finanzieri naturalmente proseguono al fine di delineare la posizione fiscale dei soggetti fermati; tra di essi una cittadina rumena in partenza per Bucarest con oltre 20.000 euro in contanti e per i quali non è riuscita a giustificarne la provenienza. Alcuni invece hanno dichiarato redditi irrisori rispetto alle somme trasportate, presumibilmente frutto di attività illecite ovvero di prestazioni lavorative pagate in nero.

[su_slider source=”media: 125676,110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

La contestazione degli illeciti amministrativi valutari si colloca in un più ampio dispositivo di prevenzione e repressione delle violazioni in materia di movimentazione transfrontaliera di valuta e titoli di credito che, si integra alla perfezione con i compiti istituzionali della Guardia di Finanza, infatti in questi casi, come accennato, vengono avviate le indagini per verificare la provenienza lecita delle somme e soprattutto che non siano frutto di evasione fiscale.

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img