spot_img
lunedì 20 Settembre 2021
lunedì, Settembre 20, 2021

CASELLE TORINESE – Presto attivi i nuovi misuratori di velocità sulle ex provinciali che collegano le Valli di Lanzo e il Canavese

CASELLE TORINESE – Con una delibera di giunta di qualche giorno fa, il comune di Caselle ha intrapreso un progetto di sicurezza stradale all’interno dei territorio casellese atta ad far diminuire i sinistri tra veicoli e controllare gli eccessi di velocità che quotidianamente si verificano sulle arterie di competenza del comune casellese.

[su_slider source=”media: 99248″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

A tal proposito è intervenuto il Sindaco Luca Baracco “ Come ampiamente discusso già in consiglio comunale un paio di anni fa sempre in un programma di prevenzione stradale si era partiti con accorgimenti atti ad aumentare la prevenzione in fatto di incidenti sul territorio casellese. Avevamo iniziato con l’ asfaltatura del tratto di strada che da Torino porta all’aeroporto e messo dei segnalatori di velocità, che non facevano multe ma cercavano di regolare un pochino le alte velocità dei veicoli in entrata sul territorio.”

“Da quest’ottica si era partiti con uno studio di fattibilità – continua il primo cittadino – di inserire due rilevatori di infrazioni di velocità sulle due arterie. Ex provinciale 2 delle valli di Lanzo e sulla ex provinciale 13, per capirsi la strada che porta a san Maurizio e in Canavese, che andranno ad affiancare quelli già esistenti di violazione di infrazioni semaforiche. Al momento abbiamo avviato un iter amministrativo di noleggio per 60 mesi delle apparecchiature e dei software vari per permettere il funzionamento, che prevede un importo di spesa di 252 mila euro a base gara e della concessione a riguardo il servizio di gestione completa del ciclo sanzionatorio ipotizzando una compilazione di 90 mila verbali in 5 anni. I punti dove dovrebbero essere istallati ipoteticamente sono subito dopo il grosso curvone che immette sulla strada verso San Maurizio e dalla parte opposta nei pressi del rettilineo che porta a ceretta di San Maurizio”.

[su_slider source=”media: 125676,110138,119356″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

[su_slider source=”media: 124101″ limit=”100″ link=”image” target=”blank” width=”730″ height=”180″ title=”no” arrows=”no” pages=”no” mousewheel=”no” autoplay=”0″ speed=”0″]

[su_slider source=”media: 100996,100993,116078″ limit=”100″ width=”1600″ height=”220″ title=”no” pages=”no” autoplay=”3000″]

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img