giovedì 2 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
spot_img

VENARIA REALE – Teatro Concordia gremito per la rappresentazione di Federico Buffa

VENARIA REALE – Ancora un successo per il Teatro Concordia che ieri ha ospitato sul palco Federico Buffa.

Buffa ha raccontato un punto irripetibile del nostro passato quando, a Berlino, lo sport diventò linguaggio comune, che unisce gli uomini e li definisce.

Nella Germania nazista del 1936 le strade sono piene di uomini in uniforme: presto si comincerà a sparare e le Olimpiadi sembrano fermare il tempo e la storia. In questo stranissimo conglomerarsi di uomini e avvenimenti, di oppressi che corrono per il genere umano, più che per una nazione o per l’altra, tra le storie che Buffa sceglie di raccontare troviamo quella di Jesse Owens, un afroamericano che vince quattro ori e non riceve dal presidente degli Stati Uniti nemmeno un telegramma di felicitazioni, e quella di Sohn Kee-chung, un maratoneta coreano costretto a correre sotto la bandiera giapponese.

E se a Berlino Hitler e goebbels volevano trasformare i giochi Olimpici nell’apoteosi della razza ariana, presto realizzeranno come quelle gare e quegli atleti li abbiano trasformati nel simbolo dell’uguaglianza e del rispetto.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img