martedì 2 Giugno , 2020

INTERVISTA AL PRESIDENTE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA, AVV. FRANCESCO ROCCA

- Advertisement -

di Alessandra Hropich scrittrice per Bibliotheka Edizioni e You Can Print (www.youcanprint.it)

Domanda: Da Commissario della Croce Rossa a Presidente, ci parli di questo importante passaggio.
Risposta: La Croce Rossa non dipende più da nessuno e la base mi ha riconosciuto questo ruolo.

Domanda: Un riconoscimento del suo operato, ne sarà contento, immagino.
Risposta: Sono molto contento. Dietro ogni soddisfazione vi é un lavoro. Ogni volta che raggiungo un risultato, penso ai problemi nuovi che arriveranno.

Domanda: Presidente, scusi ma così non gioisce del tutto di ogni risultato!
Risposta: Infatti mi dicono sempre: “Ma vuoi godere di questo momento? ” Ma sono contento anche se non esterno.

Domanda: Ci parli dei suoi inizi.
Risposta: Ho sempre fatto sempre volontariato, iniziando dalla Caritas in poi, fino ad arrivare in Croce Rossa. Come Commissario, avevo una retribuzione, come Presidente, no.

Domanda: Qual’ é stata la sua esperienza più significativa?
Risposta: Il terremoto dell’ Aquila, un’ esperienza enorme e vi è stata una grande collaborazione. La prima esperienza per me, significativa per il rapporto con la popolazione.

Domanda: E del recente terremoto, cosa ci dice?
Risposta: Il recente terremoto é stato qualcosa di più difficile di quello dell’ Aquila, per la vastità dei Comuni coinvolti. Una sfida importante per noi, la stiamo affrontando. Servono oltre due ore e mezza per correre da una parte all’ altra.

Domanda: Una cosa che non le é riuscita?
Risposta: La riforma della Croce Rossa é gestita in modo epocale. Avrei voluto gestire meglio le decisioni riguardanti il personale ma il Governo ha deciso diversamente.

Domanda: Cosa la rende felice?
Risposta: I miei figli, vederli sereni, non vivono con me ma ho un rapporto stretto con loro. Vedere felici loro, mi rende felice. La felicità é il risultato di qualcosa su cui hai investito il tuo tempo.

Domanda: Visto che lei é del segno della vergine, possiamo dire che una certa ansia le appartiene?
Risposta: Si, sono leggermente ansioso. Ma la felicità è la somma di tanti bei momenti felici. Tanti piccoli successi, mi rendono felice.

Casi in Canavese

CANAVESE – Il quadro riepilogativo dei casi di Covid, comune per comune

CANAVESE – Sta diminuendo anche in Canavese il numero dei casi positivi. Alcuni comuni sono arrivati a zero casi. Altri vedono...

Casi nel mondo - clicca

regioneaprile
- Advertisement -
- Advertisement -