POLITICA – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Consigliere regionale M5S Piemonte Federico Valetti:smog torino (Rid)

«Ben 12 Milioni messi a disposizione dal ministero per la qualità dell’aria, ma nelle città del Piemonte nessuna azione concreta. E’ inconcepibile che l’ente regionale stia semplicemente a guardare l’immobilismo dei Comuni su quello che è un problema serio di salute pubblica.

Chiederemo che nel Piano della qualità dell’aria siano programmate misure per la gestione delle emergenze, così come la programmazione di lungo periodo. Indispensabile è incentivare il trasporto pubblico e contenere la circolazione delle auto, in particolare quelle a motorizzazione diesel. Sono le principali responsabili delle emissioni di Pm10 e inferiori. I primi prodotti dai motori vecchi, quelli più fini e non meno pericolosi, emessi dai moderni filtri antiparticolato.

Chi dispone di tali mezzi deve essere incentivato all’uso del trasporto pubblico, a patto che il servizio sia sufficiente. Laddove non lo è, le istituzioni dovranno colmare le lacune affinché i cittadini dispongano di un’efficace alternativa all’auto. Oltre ai monitoraggi dell’utenza di autobus, tram e treni, fondamentale sarebbe sondare le ragioni di chi ad oggi non li usa, in primo luogo per le aree metropolitane.

Per queste operazioni di lungo periodo, comprese le azioni di potenziamento del TPL che scaturiranno dalle analisi, vi sono 405 milioni già stanziati dal Ministro dell’Ambiente Galletti.

Insomma, le amministrazioni non hanno più alibi per non agire. Per chiedere alle persone di lasciare a casa l’auto, occorre creare le condizioni affinché lo possano fare senza grossi disagi.»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here