RIVAROLO CANAVESE – Dopo la pausa natalizia, con la riapertura delle scuole, è ripreso anche il servizio di vigilanza presso i plessi scolastici rivarolesi da parte del personale laico, i così detti “nonni vigili”.

«Il servizio ha subito alcune modifiche e si presenta oggi con una nuova veste, più nonni-vigilifunzionale. – Afferma l’Amministrazione comunale, ringraziando il – centro incontri di Villa San Giuseppe di Rivarolo, la Presidentessa Signora Irma Vitton Mea, la coordinatrice, il direttivo del centro anziani e tutti i “nonni vigili” che hanno gestito per tanti anni, in modo encomiabile, il servizio. »

Le normative vigenti non permettono la continuazione di una attività di volontariato con corresponsione di indennità per l’opera di vigilanza, configurandosi in tal caso come rapporto di lavoro subordinato.

Per tale motivo, l’amministrazione comunale ha deciso di riorganizzare il servizio, affiancando a “nonni vigili” volontari, alcuni “nonni vigili” scelti dal servizio socio assistenziale CIS 38, con bando pubblico. Al bando hanno partecipato cittadini rivarolesi, alcuni già in servizio con la gestione precedente, altri neocandidati. I prescelti, in base ad una classificazione di effettiva necessità economico/sociale, sono stati indirizzati ad un corso di apprendistato, coordinato dalla polizia municipale cittadina. Tutti i Neo “Nonni Vigili” hanno superato il corso e dal 7 gennaio stanno svolgendo l’attività di vigilanza negli orari d’ingresso e di uscita dei ragazzi dalle scuole.

«Con questa nuova procedura di reclutamento – prosegue – si è voluto anche attribuire una valenza sociale al servizio, valorizzando le risorse dei cittadini rivarolesi che, nel rendersi utili alla collettività, ricevono in cambio un sostegno da parte del CIS 38. Il servizio è coordinato dal punto di vista sociale dai responsabili del servizio socio assistenziale e dal punto di vista tecnico/operativo/organizzativo da parte del comando della Polizia Municipale della Città di Rivarolo Canavese. I primi giorni di attività non hanno evidenziato criticità.»

E’ in corso in città una raccolta firme per la difesa del servizio “nonni vigili”. «La raccolta firme è strumentale – commenta il Sindaco Alberto Rostagno – in quanto l’attuale amministrazione comunale è da sempre favorevole al servizio dei “nonni vigili”, esso continua e continuerà a funzionare, dando tranquillità a tutti. Il dichiarare che i nuovi “nonni vigili” non danno garanzie di sicurezza non corrisponde a verità ed è offensivo e discriminante nei confronti di tanti volenterosi concittadini. I rivarolesi, i genitori dei nostri ragazzi possono stare tranquilli, gli studenti continueranno ad essere assistiti dai “nonni vigili”. Il servizio proseguirà regolarmente, con le nuove modalità di reclutamento e di gestione.»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here