sabato 6 Marzo 2021

RIVAROLO CANAVESE – Rivarolo Sostenibile interroga sugli incarichi esterni (CON VIDEO)

RIVAROLO – Non è stata soddisfatta Marina Vittone, Consigliere di minoranza di Rivarolo Sostenibile sulle risposte date dalla maggioranza alle interrogazioni relative alla gestione e manutenzione del sito comunale e alla revisione del Piano Regolatore.

Andiamo per ordine. La gestione del sito Comunale è stato riaffidato, per incarico diretto, alla ditta Mussini Sas,  già ditta di fiducia della passata Amministrazione Bertot, nonchè tra i soci proprietari di Quotidiano del Canavese, sito dove il primo cittadino ha iniziato a scrivere (con firma) qualche giorno dopo il riaffidamento.

Secondo la delibera datata 14 maggio, l’incarico alla ditta era in scadenza lo scorso maggio, e, nonostante “l’Amministrazione Comunale sta ancora procedendo a una verifica delle proposte pervenute, – cita testualmente la delibera – l’assessorato all’informatica, propone un rinnovo di un anno alla stessa ditta”, per un importo pari a € 3.233,00 iva inclusa, impegno di spesa contenuto nella determina del 4 giugno.

«Vogliamo capire le affermazioni contenute nella delibera – ha detto Marina Vittone – Non si capisce perché abbia attribuito l’incarico alla ditta che già lo gestiva mentre ancora si stava procedendo alla verifica delle proposte. Ed è già stato determinato un impegno di spesa. Non capiamo la metodologia. Restiamo inoltre perplessi sul termine “assessorato all’informatica”. Chi ne è il responsabile? Sotto i 20mila euro si può fare un affidamento in forma diretta, ma questo modus operandi è molto singolare. Non vediamo il principio di rotazione nè di concorrenzialità degli operatori economici.»

A rispondere, è stata l’Assessore Lara Schialvino, che ha farfugliato: «Stiamo valutando le proposte di restyling, non c’è alcun impegno di spesa. La ditta c’era già dal 2011. La delega all’informatica è del Sindaco.» Sindaco che solo in chiusura di dibattito ha proferito parola, affermando che l’incarico veniva dato in via fiduciaria.

«No. È scritto molto chiaramente che la convenzione è scaduta a maggio 2015. E c’è un impegno di spesa. Voglio sapere perchè è stato dato l’incarico prima di terminare l’esame delle proposte pervenute. A che punto è il suddetto esame, quali sono le ditte che hanno mandato i preventivi e chi è il responsabile di questa procedura.»

«Gli Affari Generali ha seguito la procedura – ha replicato Schialvino – il costo l’ho visto sul Mepa.»

Insomma, una contraddizione dietro l’altra; ad esempio sulla delibera è scritto, a giustificazione dell’incarico,  che “non è auspicabile lo spostamento del dominio e di tutti i dati dai server esterni [impostazione di procedure di aggiornamento ed archivio dati (delibere, determine news, ecc.)”, spostamento non necessario in quanto la gestione del sito non ha nulla a che vedere con la proprietà dell’hosting (basta un passaggio di dati d’accesso che vengono poi cambiati).

A quel punto Marina Vittone ha sbottato che andrà a fondo sulla questione, chiedendo gli accessi agli atti dell’intera documentazione.

Altra questione spinosa è emersa da una successiva analoga interrogazione relativa alla delibera con cui è stato richiesto allo Studio architetti Paglia la disponibilità ad iniziare e proseguire l’incarico per la revisione del Piano Regolatore Comunale.

«Non vediamo trasparenza né un percorso di discontinuità con l’Amministrazione Bertot.»

L’Assessore Francesco Diemoz ha replicato che, oltre alla fiducia riposta sulla professionalità e competenza dell’Architetto Paglia «si tratta di ridefinizione dell’incarico affidato dalla precedente Amministrazione, nel 2011, e non di nuovo affidamento. Se sospendessimo l’incarico gli dovremmo pagare l’onere id sospensione. Inoltre l’incarico è stato affidato dietro a regolare bando di concorso.»

E ha aggiunto: «La discontinuità si vede nel modo di fare. Faremo un Piano Regolatore partecipato.»

«Per noi il risultato è sconvolgente.» Ha concluso Marina Vittone.

GUARDA IL VIDEO

[su_youtube_advanced url=”https://www.youtube.com/watch?v=ET5OEdeLXrQ” width=”340″ height=”500″ rel=”no”]

Leggi anche...