lunedì 19 Aprile 2021

CRONACA – Fossano: Spara alla moglie; aggiornamento

CRONACA – FOSSANO: Vitantonio Gioia, detto Antonello, guardia giurata di 53 anni, lei, Silvana Allasia, 47 anni, insegnante in una scuola d’infanzia a Torino due figli, 11 e 9 anni.

Un rapporto pare fosse prossimo alla fine. E’ questo un ipotetico quanto verosimile movente: lui non voleva accettare una possibile separazione.

Pare che i figli fossero rientrati da scuola, ma non avrebbero, però, assistito all’assassinio della loro mamma, poiché erano in un’altra camera quando il padre ha fatto fuoco con la pistola d’ordinanza. Due colpi di pistola hanno raggiunto la donna al tronco. Poi, vedendola a terra, immobile, in un lago di sangue, ha chiamato i Carabinieri e li ha aspettati. Dagli elementi finora raccolti emerge un quadro famigliare di tensione che potrebbe spiegare quanto è accaduto. I vicini di casa parlano di liti che duravano ormai da tempo, ma che comunque si ricomponevano sempre. Nessuno avrebbe mai immaginato l’epilogo drammatico.

Le indagini sono coordinate dal magistrato Massimiliano Bolla che prima di procedere all’interrogatorio in caserma, si è recato sul luogo del crimine. C’è un precedente che riguarda una guardia giurata nel Cuneese. Il 14 settembre 2012, a Savigliano, Fabrizio Lottario uccise con la pistola che aveva in dotazione la moglie Manuela Grippo e l’amante di lei, Antonio Pasqua. Tra i tre ci fu un diverbio, poi undici colpi di pistola sparati dall’omicida. Pasqua morì subito, Manuela Grippo il giorno dopo all’ospedale. Lottario venne condannato a vent’anni.

Leggi anche...

spot_img