RIVAROLO CANAVESE – A Rivarolo potrebbe nascere una nuova lista unitaria.

Rivarolo-volta-paginaL’Associazione Allea ha lanciato un appello: “Meglio vincere insieme che perdere da soli – Un tavolo qualificato per una Lista Unica”. E a rispondere all’appello, sono i gruppi “Alleanza per Rivarolo” (di Guido Novaria), “Rivarolo Sostenibile” (con Marina Vittone e Antonio Besso Marcheis) e, a sorpresa il Comitato Non Bruciamoci il Futuro (guidato da Gianni Fragale), il quale si è sempre dichiarato “lontano” dalla politica (essendo nato appunto quale comitato in difesa della salute dei cittadini senza scopo di lucro e apolitico) ed ha sempre sostenuto di essersi formato esclusivamente per tre scopi: reperire tutta la documentazione necessaria ad appurare la vera natura dell’impianto sorto nell’area dell’ex Vallesusa e la sua conformità a leggi e regolamenti; stimolare e promuovere il dibattito su tutte le possibili ricadute ambientali; evitare che in tale impianto vengano bruciati rifiuti o sostanze dannose alla salute dei cittadini. In una recente intervista, avevano dichiarato la necessità per il bene di Rivarolo di una lista unitaria, ma senza esporsi quale parte della stessa lista. Ora, a quanto pare, ha deciso di scendere in campo per le elezioni amministrative 2014.

“I gruppi Alleanza per Rivarolo, Comitato Non Bruciamoci il Futuro e Rivarolo Sostenibile – scrivono in un comunicato – si dichiarano disponibili a partecipare a un tavolo di concertazione per dare vita ad una lista civica unitaria per le prossime elezioni amministrative di Rivarolo. I gruppi hanno chiesto una risposta entro e non oltre le ore 12 di lunedì 17 marzo 2014, prima di tutto per un motivo storico, visto che il 17 marzo si celebra la festa dell’Unità d’Italia e quindi la data può essere di buon auspicio per ritrovare uno spirito “unitario”.”

E aggiungono, sferzando un colpo a Rostagno: “In queste settimane è stato detto che le nostre componenti avrebbero preteso da Rostagno posti e incarichi in base a quel “manuale Cencelli” ampiamente usato nella Prima Repubblica. Niente di più falso: preferiamo invece ispirarci ad un altro manuale, altrettanto celebre, quello delle “giovani marmotte”, dove lo spirito di solidarietà e collaborazione riesce a far superare anche gli ostacoli più insormontabili.”

Ora non resta che attendere domani per conoscere la risposta dell’Allea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.