Guarda il servizio

SAN GIORGIO CANAVESE –  L’ottocentesco ponte degli “Oblati”, ossia l’antica sopraelevata che collega il centro storico di San Giorgio con il cimitero, con la Casa di Riposo, con la struttura residenziale dei Missionari Oblati e con diverse abitazioni private, verte in uno stato precario.

San-Giorgio---Ponte-oblatiIl progetto di ristrutturazione (o meglio, di rifacimento) è pronto, ma l’Amministrazione comunale ha le “mani legate”: nonostante abbia un contributo regionale approvato, non può ancora appaltare i lavori. Il motivo? La Regione non ha fornito garanzie sulle tranche di pagamento e il Comune non può anticipare di “tasca propria” perché sforerebbe il San-Giorgio---Ponte-oblati-3San-Giorgio---Ponte-oblati-2Patto di Stabilità.

Diverse sono le lettere di sollecito che l’Amministrazione ha inviato alla Regione Piemonte, e l’ultima è datata all’inizio di dicembre, ma per ora nessuna risposta.

San-Giorgio---Ponte-oblati-1San-Giorgio---Ponte-oblati-4Il lavoro da fare è complesso: il ponte va, innanzitutto messo in sicurezza, poi smontato interamente, vanno ricostruiti i pilastri sui quali poggia, ricostruite le arcate e il parapetto, infine riasfaltato. L’accesso è chiuso al traffico veicolare dal 13 maggio 2010, ed è consentito solo ai pedoni, proprio per la precarietà delle condizioni.

Il costo dell’intera opera di risanamento si aggira intorno ai 600mila euro, mentre il contributo approvato dalla Regione è di 504mila euro; la differenza è a carico del Comune.