PONT CANAVESE– Dopo una lunga trattativa è stato raggiunto l’accordo che evita il licenziamento dei 140 dipendenti della Romi (ex Sandretto), grazie alla proroga della cassa integrazione in deroga fino al 13 settembre. In questo modo potrà proseguire la trattativa con la cordata di imprenditori interessati a rilevare l’azienda.

romi sandretto“C’è grande soddisfazione – commenta il Presidente Roberto Cota – per l’ottimo lavoro fatto e per la soluzione di una vertenza lunga e difficile, che la Regione ha seguito fin dall’inizio. Il nostro pensiero è sempre stato indirizzato ai lavoratori e alla salvaguardia dell’occupazione. Il Piemonte deve continuare a puntare sulla propria vocazione produttiva, mettendo a frutto le sue numerose eccellenze e una storica cultura del lavoro”.”La richiesta della cassa in deroga fino al 13 settembre – ha aggiunto l’Assessore al Lavoro, Claudia Porchietto – fornirà il tempo necessario a Romi per poter affinare le condizioni per la cessione del ramo d’azienda alla cordata di imprenditori che ha prodotto una offerta vincolante. Confido che ora in tempi brevi si possa offrire tranquillità ai lavoratori della Romi e alle loro famiglie. Ormai infatti siamo di fronte ad una crisi simbolo per il Piemonte“.