sabato 12 Giugno 2021
sabato, Giugno 12, 2021
spot_img

ALESSANDRIA – Martedì i funerali di Andrea Colaianni, deceduto in seguito ad un incidente assurdo

La famiglia chiede di fare piena luce sulle responsabilità

ALESSANDRIA – Saranno celebrati martedì primo giugno, alle 10.30, nella chiesa parrocchiale di Spinetta Marengo, i funerali di Andrea Colaianni, il quarantacinquenne di Alessandria rimasto vittima il 19 maggio scorso, alle 17.40, sulla Strada Provinciale 82 Alessandria-Sale, all’altezza del civico 19, nel comune di Alluvioni Piovera, di un incidente assurdo. Colaianni, che viaggiava come passeggero su di una Honda 150 condotta da un amico, M.M. 47 anni, è stato colpito in pieno volto da un pesante cavo della rete telefonica tranciato dall’autoarticolato Volvo FH 16 che precedeva la moto, guidato da S.C, 44 anni, di San Paolo d’Argon (Bergamo).

In seguito all’urto la motocicletta è finita fuori strada: il motociclista alla guida se l’è miracolosamente cavata con diverse fratture, per il trasportato invece, purtroppo, non c’è stato nulla da fare, è deceduto sul colpo.

Il Pubblico Ministero della Procura di Alessandria titolare del procedimento penale subito aperto dopo il drammatico sinistro, la dott.ssa Lisa Iovane, non ha neppure ritenuto di disporre l’autopsia sulla salma del quarantacinquenne, essendo emerso chiaramente già dall’esame esterno che il decesso è stato determinato in via esclusiva dall’incidente, con particolare riferimento proprio alla profonda e fatale lesione al capo prodotta dal cavo. Il Sostituto Procuratore per ora non ha iscritto alcun nome nel registro degli indagati del fascicolo, che risulta contro ignoti, in attesa di ricevere tutti i riscontri dal consulente tecnico cinematico che ha nominato ad hoc per chiarire le esatte cause del sinistro, e che in particolare dovrà accertare se il mezzo pesante osservasse l’altezza massima prevista, pari a 4,30 metri, e se quel cavo fosse regolare o se non abbia avuto un qualche cedimento finendo per “penzolare” in mezzo alla carreggiata.

I familiari di Colaianni, che non sanno capacitarsi del tragico evento, chiedono che sia fatta quanto prima piena luce sulle responsabilità e per questo i fratelli della vittima, attraverso il consulente legale, si sono affidati ad una società specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che, tra le altre cose, si è subito interfacciato con la Procura per verificare lo stato delle indagini e che metterà a disposizione anche un proprio consulente tecnico nel caso in cui il Pm, una volta stabilito se il sinistro sia da ascrivere al mezzo pesante o all’infrastruttura telefonica, o ad entrambi, decida di procedere con una consulenza tecnica aperta anche alle parti.

Mercoledì 26 maggio, intanto, è stato rilasciato il nulla osta per i funerali, che saranno di sicuro molto partecipati, non solo perché la tragedia e le modalità con cui si è consumata hanno profondamente scosso tutta la comunità alessandrina, ma anche perché Colaianni era conosciuto e ben voluto da tutti in città, dove aveva coltivato e sviluppato un’ampia cerchia di amicizie e di conoscenze e dove ha anche gestito per alcuni anni un’attività di rivendita di pneumatici. “Una persona solare, piacevole con gli amici e sempre disponibile” lo ricorda commosso il fratello maggiore Liborio Massimo. Andrea Colaianni lascia i due figli Lorenzo e Nicholas, la mamma Maria, i fratelli Liborio Massimo, Ignazio e Aldo e la sorella Giovanna.

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img