venerdì 9 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

SO SBAGLIARE DA SOLO!

Dalla​​ posta del cuore di Alessandra Hropich

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

Alessandra, io sono adulto e capace di sbagliare da me.
Ti mando in allegato la mia denuncia fatta nei confronti di una signora
dell’est che mi aveva sedotto, sai a letto era una furia, ero imbambolato da lei e mi aveva chiesto del denaro per acquistare una casa di sua iniziativa e dove diceva lei, voleva farmi una sorpresa, così disse.
Nonostante io avessi già una compagna amorevole e vivessi a casa di lei, mi recai in una finanziaria che mi dette un consistente prestito le cui (salate) rate le pagherò ancora per dieci anni, ora mi trovo senza fissa dimora e con lo stipendio dimezzato, mangio con i senza tetto con cui ho fatto amicizia, la mia ex compagna non mi vuole più dopo i fatti.
La signora dell’est è poi sparita dopo che l’avevo definita una prostituta visto che sapevo che andava a letto anche con altri. Presentai denuncia perché volevo riavere i soldi che le avevo dato ma la signora non aveva domicilio né residenza in Italia e non so oggi cosa posso fare.
Tu puoi darmi un consiglio legale?
Le colleghe mi avevano messo in guardia, ma io non sono un incapace, so sbagliare da solo, mi sarebbe certo piaciuto il poter recuperare il denaro e comunque avere finalmente un indirizzo della signora, per chiarire il tutto, per ora penso però solo ai momenti di fuoco vissuti con lei che, già solo al pensiero, mi manda in estasi.
Leonardo da Verona.



Ho imparato da tempo ormai a non dare più consigli a molti perché non tutti vogliono essere svegliati.
Qualcuno dice: “Non ti intromettere mai nella sofferenza altrui. L’uomo deve stancarsi di sé stesso e bere fino in fondo la coppa di veleno che gli spetta. Una persona che soffre vede il mondo attraverso il proprio dolore, e perciò è sorda e cieca!”

Tu hai capito da solo di aver commesso un errore? Solo perché sei rimasto senza soldi e la signora è sparita.

Leonardo, è necessario che tu non creda mai di riavere i soldi e che non ti fissi sugli stessi pensieri a lungo, semmai ( solo per riflettere) ti invito ad ascoltare la canzone “SIMMO ‘E NAPULE PAISÀ.”
In particolare, la strofa che dice:
“Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…
Chi ha dato, ha dato, ha dato.
Scurdammoce ‘o ppassato.”


Leonardo, tu e la tua signora scomparsa avete “avuto e dato” entrambi perché lei ha fatto il suo mestiere (rea comunque di non aver chiarito la sua reale volontà) e tu hai pagato le prestazioni in un’unica soluzione ad una Tizia di cui non conoscevi nemmeno la residenza o il domicilio, questo è assurdo.
Dalla denuncia, ho letto che siete stati amanti per tre anni, dunque lei ha ampiamente guadagnato i soldi mentre tu ti eri fidato che la tua “amante” avrebbe comprato per voi una casa, sembra una barzelletta.
Devi fartene una ragione ormai, non rincorrere un fantasma, hai dato ma hai anche avuto, vedila così, scordati il passato, come dice la bellissima canzone di cui sopra, cercati lavori ad ore in modo da integrare il tuo dimezzato stipendio, lo fanno tante madri sole con figli piccoli da crescere, non è vergognoso, anzi, è più che dignitoso.
Sempre dalle carte, ho potuto vedere che lavori in un Ente pubblico metà giornata e non fai alcuna fatica (per la tua mansione) stando solo seduto davanti ad un PC che puoi usare a piacimento anche solo per te stesso, dunque timbri il cartellino e ti riposi (conosco bene il tuo settore), quindi il pomeriggio, come ho già detto, potresti fare le pulizie da qualche parte, un po’ di sforzo fisico ti farebbe anche capire il valore del denaro che non si butta dalla finestra.

Tu ami le missioni impossibili, tipo il recuperare soldi dati e il voler trasformare una prostituta in una casalinga tutta per te ed hai lasciato una donna che ti dava affetto ed ospitalità in casa sua. Missione fallita, ora vedici il puro scambio: i tuoi soldi presi a prestito hanno comprato il corpo di una donna, stop, se non la vedi così farai sempre un passo avanti e due indietro.

Quando la nostra mente adotta uno stile di pensiero cosiddetto “circolare” sono dolori.
I pensieri si rincorrono gli uni e gli altri senza portarci a nessuna soluzione concreta, non svegliarti ogni giorno sentendoti un uomo raggirato, ricorda che lo stesso identico pensiero nel tempo fa impazzire, devi arrivare a vedere le cose per come sono realmente, se riesci a farlo da solo, dopotutto è una triste esperienza che ti ha fatto incontrare una povera disgraziata che ha dovuto prostituirsi per tre anni quando eri sordo e cieco per vedere la realtà.

Per inoltrare domande alla dottoressa Hropich su questioni sentimentali, potete inoltrarle anche alla pagina seguente, con messaggio privato.
https://www.facebook.com/La-mia-Posta-del-cuore-104883382245294/


posta cuore

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img