martedì 4 Ottobre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

TORINO – Carceri/OSAPP: aggressione al Repartino ospedaliero le Molinette Torino

E' avvenuto giovedì 25 agosto intorno alle 15.30

TORINO – Giovedì 25 agosto, intorno alle ore 15,30, un detenuto straniero diciottenne, arrestato dalla Polizia di Stato, è stato condotto al Repartino detentivo Ospedaliero le Molinette di Torino.

Nel momento in cui l’Assistente Capo Coordinatore di servizio lo ha invitato ad accedere in cella, lo stesso, alla presenza anche degli Agenti della Polizia di Stato, ha dato in escandescenza e ha iniziato a sputare ripetutamente, colpendo poi il personale operante e strattonandolo. Il detenuto è venuto, non con poche difficoltà calmato (con l’aiuto del personale della Polizia di Stato) anche per prevenire la commissione di ulteriori danni.

La situazione non è degenerata, anche in considerazione dell’alta professionalità del personale di Polizia penitenziaria, che senza strumenti e mezzi ha improvvisato l’intervento operativo atto a contenere il soggetto. Uno degli Agenti ha accusato a seguito di una violenta strattonata forte dolore alla spalla destra ed è stato accompagnato al Pronto Soccorso dell’Ospedale Molinette di Torino per le necessarie cure e dimesso con giorni 4 di prognosi s.c.

A dare la notizia sono state le Organizzazioni Sindacali del Comparto sicurezza Polizia penitenziaria : SAPPE, OSAPP, UIL PA P.P., SINAPPE, FNS-CISL, CGIL P.P. e FSA-CNPP. “Il problema sta diventando sempre più serio ed incontrollato e, sempre da tempo denunciamo, che i detenuti affetti da problemi psichiatrici devono trovare altra allocazione diversa dal carcere, anche perché la Polizia penitenziaria non ha gli strumenti e la preparazione adeguata e specifica per gestire tali soggetti. Il personale è stanco di subire invettive gratuite dai detenuti che sembrerebbero agire in tale modo perché impuniti. Questa situazione fa inasprire terribilmente il personale e non può più tardare un energico intervento del Capo del DAP Renoldi e della Guardasigilli Cartabia prima che accada qualcosa di davvero irrimediabile”.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img