venerdì 12 Agosto 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

AUTOMOBILISMO – Monica Caramellino, tocca il cielo delle Montagne Olimpiche 

Affiancata dal non vedente Alessandro Valesano, ha affrontato la Cesana-Sestriere Experience 2022 a bordo di una Seat Cupra, preparata per le corse dallo stesso Alessandro

AUTOMOBILISMO – E’ stato un fine settimana adrenalinico quello vissuto dalla pilota canavesana Monica Caramellino che, affiancata dal non vedente Alessandro Valesano, ha affrontato la Cesana-Sestriere Experience 2022 a bordo di una Seat Cupra, preparata per le corse dallo stesso Alessandro, vivendo un’esperienza che rimarrà sempre nel loro cuore.  

“La mia partecipazione alla manifestazione delle Montagne Olimpiche è nata quasi per caso” racconta la pilota di Nole Canavese che continua – “In occasione della gara di Automotoracing sulla Pista del Lingotto, venne a trovarmi ai box Marco Boccardi, un compagno di scuola ai tempi delle superiori, che mi disse che un suo amico non vedente avrebbe avuto piacere di partecipare a un evento a fianco di un pilota”.

caramellino sestrierere 3 Res
Foto di Rolling Fast Photography

La voglia di vivere qualcosa di diverso e la curiosità l’ha spinta ad accogliere la richiesta del giovane Alessandro ed, esaminati i calendari, la prima occasione è arrivata con la “Cesana-Sestriere Experience”, manifestazione che affiancava sullo stesso percorso la classica gara in salita “Cesana-Sestriere”.

“Non avevo mai disputato una gara in salita, ma l’entusiasmo di Alessandro mi ha coinvolto per tutto il fine settimana. Oltretutto avevo la responsabilità di guidare non una vettura qualsiasi noleggiata da un preparatore, ma la sua  SEAT Cupra, che lui cura con amore e che ha elaborato fino a sviluppare 200 cavalli. Non conoscevo la strada che da Cesana sale su fino al Colle del Sestriere e la memorizzazione del percorso è una delle prerogative fondamentali delle cronoscalate. Perciò, nella salita di ricognizione di sabato, sono stata attenta a cogliere ogni particolare e a memorizzare ogni cosa. Tutta un’altra storia la domenica, quando con Alessandro a fianco, i duecento cavalli li abbiamo fatti galoppare e siamo saliti decisi e determinati dai 1300 metri di Cesana sino ai 2035 del Colle del Sestriere. 10.400 metri di strada da percorrere tutti d’un fiato arrivando a chiodo al dosso di Champlas du Col per staccare le ruote da terra. Cosa che io e Alessandro abbiamo fatto” ha concluso Monica.

L’Experience non è una gara e gli organizzatori non stilano una classifica a fine manifestazione, ma è stata per il binomio Caramellino-Valesano un momento di forte aggregazione e un forte stimolo a far sempre meglio qualsiasi cosa si abbia in mente, senza vivere la disabilità come una limitazione ma, al contrario, come stimolo nell’affrontare la vita con determinazione e coraggio.

 

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img