domenica 2 Ottobre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

VOLPIANO – La prima fiera di Primavera post pandemia penalizzata dalla pioggia 

Essendo la prima fiera di primavera post pandemia, tra una manifestazione con un clima non proprio ideale, e il dover stare chiusi in casa, la gente ha scelto la prima ipotesi

VOLPIANO – La fiera di primavera è incappata in uno di quei giorni un po’ così, non abbastanza brutti da indurre gli organizzatori a rinviare tutto in altra data confidando in una situazione meteo migliore, non abbastanza belli da poter permettere alla manifestazione di svolgersi come da programma e attirare i visitatori che avrebbe meritato. Ma era pur sempre la prima fiera di primavera post pandemia, e tra una manifestazione con un clima non proprio ideale, e il dover stare chiusi in casa, meglio la prima ipotesi.

Il tempo incerto ha comunque penalizzato un po’ il lato commerciale: già nei giorni precedenti la domenica sono arrivate agli organizzatori diverse telefonate di espositori che annunciavano la loro defezione: l’idea di sobbarcarsi magari decine di chilometri per un nulla di fatto non entusiasmava nessuno. Non sono mancati, per questa ragione, alcuni “buchi vuoti” lungo le strade del centro.

Le associazioni, le formazioni musicali e i borghi, nonché il gruppo dei coscritti, hanno fatto la loro parte, adottando anche alcuni accorgimenti per far funzionare tutto al meglio. Come le volontarie che hanno venduto le azalee delle ricerca, divise in due banchetti diversi per evitare il formarsi di assembramenti. Da sottolineare anche la curiosità e l’interesse suscitato dai combattimenti medioevali che hanno intrattenuto i visitatori nel corso del pomeriggio: del resto, con quelle armature, non c’è pioggia che tenga.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img