venerdì 2 Dicembre 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

VOLPIANO – Polemiche in Consiglio per la situazione di piazza Italia

La risposta data alle mozione fa andare su tutte le furie

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

VOLPIANO – Paradossalmente non è stata la situazione di piazza Italia a suscitare le critiche maggiori nel corso del Consiglio comunale di giovedì sera: che quell’angolo di Volpiano abbia qualcosa che non va (o meglio, che abbia solo qualcosa che va) è cosa assodata su tutti i fronti, come del resto accerta anche la Ctu disposta dal Tribunale di Ivrea. Che ribadisce, tra l’altro, il fatto che non esista un metro quadro di pavimentazione adatta ad ospitare il mercato. E non sono stati neppure gli interventi dell’avvocato Rosario Scalise e dell’ingegner Michele Cavapozzi chiamati ad illustrare la vicenda della piazza dal punto di vista legale e da quello tecnico.

Quello che ha fatto andare su tutte le furie i consiglieri Antonietta Maggisano e Giuseppe Medaglia, di Cambiamo Volpiano, e di Monica Camoletto, di Gente di Volpiano, è stata la risposta data, o non data a seconda dei punti di vista, alla mozione presentata sull’argomento, con la quale si chiedeva la sospensione del mercato su quella piazza e il suo trasferimento in piazza Madonna (o altro luogo idoneo) nonché l’istituzione di un’apposita commissione consiliare per verificare quanto fatto in passato e capire cosa fare in futuro. Proposta, quest’ultima, superata dai fatti, dal momento che la Giunta ha deciso di rigettare, forte della motivazioni riassunte dai due professionisti, le risultanza della Ctu e adire a vie legali. «Peccato che siamo venuti a conoscenza di questa decisione solo poco prima del Consiglio, grazie alla visione di una delibera di Giunta – ha accusato Maggisano illustrando la sua proposta – Con buona pace della collaborazione più volte auspicata e che volevamo mettere in atto con questo documento».

E se la decisione già assunta non ha reso felici i consiglieri, la scelta di interrompere il Consiglio per dare la parola ai professionisti ha completato l’opera: «Abbiamo partecipato alla riunione dei capogruppo, e non si è fatta parola di questa situazione – hanno ribadito – La nostra è una domanda politica, ci aspettiamo una risposta politica non una relazione tecnica sulla quale non possiamo dire nulla dal momento che non abbiamo documentazione per poter controbattere». Proteste vane. Dopo la doppia relazione è arrivata anche la risposta della maggioranza, che ha bocciato le due richieste. «Questa sera l’Amministrazione ha fatto veramente una brutta figura – ha tuonato Medaglia in conclusione di trattazione – dimostrando la sua incapacità di avere un confronto politico con l’opposizione».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img