martedì 31 Gennaio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

SCARMAGNO – “Pasqua con chi vuoi, a Pasquetta ci siamo noi!”

L’associazione Via Romea Canavesana propone per il giorno di Pasquetta una passeggiata nella Natura alla scoperta delle meraviglie storiche immerse nel territorio dei Comuni Scarmagno, Strambino, Romano e Perosa C.se

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

SCARMAGNO – Per gli appassionati di storia e natura, l’associazione Via Romea Canavesana, propone lunedì 18 aprile la passeggiata “Pasqua con chi vuoi, a Pasquetta… ci siamo noi!”, per ammirare camminando alcune delle perle monumentali che impreziosiscono il territorio compreso tra i Comuni di Scarmagno, Strambino, Romano e Perosa, parte dello storico percorso “Via Romea”.

Via Romea Canavesana è formata da associazioni, studiosi e appassionati uniti nel comune intento di promuovere e curare una ex via di transito utilizzata dai pellegrini medievali diretti a Roma, detta appunto “Via Romea” . Partendo da Ivrea, il percorso si snoda a sud e si inoltra lungo le colline dell’Anfiteatro Morenico per poi superare la Dora Baltea a Mazzè ed uscire nella pianura vercellese verso Livorno Ferraris e Vercelli.

SCARMAGNO - "Pasqua con chi vuoi, a Pasquetta ci siamo noi!"

Il ritrovo si terrà alla terrazza panoramica del pluriuso di Scarmagno alle ore 9 (posteggio auto Via Romano 20 davanti al Bar Movida) per la registrazione dei partecipanti mentre la partenza è prevista alle 9.30. Il pranzo al sacco verrà consumato all’ombra della Torre di Romano verso le 13 e il rientro al punto di partenza è previsto per le 17.30.

Durante la giornata sarà possibile vedere e visitare la chiesa di Sant’Eusebio al Masero di Scarmagno, la Madonna delle Vigne di Strambino, la ghiacciaia e il ricetto a Romano, la chiesa di Santa Maria di Morano a Perosa, la torre porta e i resti del ricetto.

Il percorso ad anello è di circa 16 km su sentieri sterrati ed è alla portata di chi ha dimestichezza con fondi accidentati/mulattiere con brevi dislivelli non troppo impegnativi. Saranno, comunque necessari abbigliamento e calzature adeguate.

«Stiamo constatando un buon interesse da parte di chi ha piacere di camminare e allo stesso tempo visitare qualche monumento poco conosciuto, non lontano da casa, anche nei giorni vicini a quelli delle feste, come già lo scorso Santo Stefano» afferma Claudia Carra, socia fondatrice e addetta stampa portavoce dell’associazione.

SCARMAGNO - "Pasqua con chi vuoi, a Pasquetta ci siamo noi!"

«La Via Romea Canavesana unisce da sempre la scoperta del territorio canavesano e vercellese, la valorizzazione dei suoi peculiari paesaggi e dei monumenti, in particolare medioevali, che lo caratterizzano. Questa ri-scoperta del territorio vicino a casa avviene a piedi. Camminando nella natura, è possibile osservare bene i monumenti che fanno parte del paesaggio, apprezzandone le peculiarità e la bellezza innata.

Vogliamo valorizzare i piccoli tesori che ci circondano e tendiamo a dare per scontati ma che vale la pena di scoprire: quello che vogliamo combattere è l’idea che non c’è niente da vedere in Canavese» ha concluso Carra.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img