martedì 7 Febbraio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

CUORGNE’ – Ottenuto il finanziamento di 80.000 euro

Contributo stanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo per il progetto "Vision: Green Generation"

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

CUORGNE’ – Il Comune di Cuorgnè ha ottenuto il finanziamento di 80.000 euro dalla Fondazione  Compagnia di San Paolo per il progetto  “Vision: Green Generation”. Il contributo è destinato alla progettazione di un percorso ciclopedonale di collegamento tra il centro città, le aree fitness del territorio (via Braggio, Arcipelago dello Sport) i comuni limitrofi, fino alla frazione di Salto, attraverso la ricostruzione del ponte sull’Orco. Un progetto per favorire la mobilità sostenibile, l’attività fisica all’aperto e lo sviluppo del turismo green, rivalorizzando antichi percorsi.

«Siamo molto contenti di esserci aggiudicati questi 80.000 euro perché non ci speravamo. Ci abbiamo messo molto impegno nel redigere questo progetto sia dal punto di vista di riqualificazione urbana, con la realizzazione di un percorso ciclopedonale che possa aumentare la possibilità di una mobilità sostenibile, ma anche dal punto di vista del coinvolgimento delle scuole, in particolare il XXV Aprile e dell’Università di Torino.

Le attività previste nella prima fase progettuale sono la realizzazione di questo percorso ciclopedonale che colleghi Cuorgnè con le aree dove si possono svolgere attività sportive, in particolare la zona degli impianti sportivi (ex bocciodromo, campi da calcio) e la zona dell’arcipelago dello sport, per il quale abbiamo già fatto un investimento per le nuove attrezzature per il fitness. Il percorso continuerà ricalcando il percorso storico in essere sino agli anni 2000, quando è stato spazzato via il ponte sull’Orco. Sarebbe bello ricostruire il ponte e rifare, fatte le dovute valutazioni anche riguardo al posizionamento, e ricreare questo percorso che veniva utilizzato dai lavoratori della manifattura che abitavano a Salto e che percorrevano a piedi per andare a lavorare.

Entrando nel dettaglio, sostanzialmente ci sono più missioni che si possono includere in questa progettazione che è stata realizzata in associazione con il Dipartimento di Management dell’Università di Torino con cui già a dicembre abbiamo stretto un accordo tra istituzioni. Anche questo ci fa piacere, soprattutto perché ha dato subito i primi frutti, con l’impegno dell’Università a supportarci nella parte di gestione dei progetti senza gravare sulle casse del comune (avendo inserito il loro  contributo all’interno dell’importo del bando stesso) e con il proseguimento della collaborazione per l’intera durata del progetto.

Importante anche la collaborazione con il XXV Aprile, soprattutto vista la presenza al suo interno del liceo linguistico, con la possibilità da parte degli studenti di tradurre il materiale dedicato ad eventuali turisti, il corso CAT (Costruzione, ambiente e territorio), utile per realizzare materiali e rilievi e poi il corso Marketing e Turistico. Coinvolgere gli studenti di questi corsi pensiamo sia un punto di forza del progetto perché la realtà scolastica del territorio è fondamentale: in primis per far conoscere agli studenti i luoghi in cui vivono e dove potenzialmente potranno lavorare e poi perché avranno la possibilità di acquisire una competenza sul posto, un “learning by doing”, un imparare-facendo» ha commentato l’assessore ai lavori pubblici e urbanistica Lara Calanni Pileri.

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img