venerdì 27 Maggio 2022

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

spot_img

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

IVREA -Tutto pronto per la partenza dei lavori della nuova linea ferroviaria elettrica Aosta-Ivrea

A partire dal 2023, inizieranno ufficialmente i lavori sulla linea ferroviaria Ivrea-Aosta per migliorare il servizio dei trasporti, l’accessibilità delle stazioni ed abbattere le emissioni ambientali

IVREA – E’ ufficiale, la nuova linea ferroviaria elettrificata che collega Ivrea alla Valle d’Aosta si farà. I lavori inizieranno a dicembre 2023 e dovranno essere ultimati entro il 2026, come previsto dalle regole del PNRR (Piano di Ripresa e Resilienza del Governo). 

A dare l’annuncio dell’avvio dei lavori che coinvolgeranno anche le stazioni di Ivrea e dell’eporediese, è il comitato della Regione Valle d’Aosta ed RFI (Rete ferroviaria italiana) dopo un incontro con la Regione, avvenuto martedì 15 febbraio.

Il Progetto di fattibilità tecnico-economica di RFI è già stato presentato al Consiglio superiore dei Lavori pubblici del Ministero mentre è in corso di aggiornamento il progetto definitivo, ancora da completare ed approvare, entro la fine del mese prossimo, per avviare l’iter di autorizzazione dei lavori.

Già l’anno scorso si era parlato del progetto dal costo complessivo di 110 milioni (a valere sulle risorse del PNRR) che comprende l’elettrificazione di 66 km di linea ferroviaria Ivrea -Aosta. Nel progetto rientrano anche altri interventi come il miglioramento delle gallerie esistenti, l’abbassamento del piano di ferro, nonché il rifacimento della cavalcaferrovia per consentire l’installazione della linea di contatto, ad oggi insufficiente e l’attrezzaggio della tratta Ivrea-Aosta con il sistema SCMT (un sistema di controllo della marcia dei treni tra i più avanzati ad oggi esistenti).

Lo scopo del progetto è migliorare l’accessibilità alle stazioni da parte dei pendolari e dei cittadini (grazie, ad esempio, anche all’istallazione di sovrappassi e sottopassi) e migliorare il servizio e la velocità dei trasporti, in modo da facilitare la coincidenza ed i movimenti in contemporanea dei treni.

Infine, il progetto dovrebbe garantire un notevole abbattimento delle emissioni ambientali, uno degli obiettivi e capisaldi del Next Generation UE (accanto alla digitalizzazione dell’Europa, dell’Italia e dei territori) e del PNRR nostrano.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img