sabato 4 Febbraio 2023

redazione@obiettivonews.it - 342.8644960

Direttore Responsabile: Magda Bersini

spot_img

CASELLE – Il benvenuto della città ai nuovi nati

99 nuovi nati nel 2011: 59 femmine e 40 maschi

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:

CASELLE – Una Pigotta, la bambola di pezza diventata un “marchio di fabbrica” dell’Unicef, un bavaglino donato da Tappo Rosso assieme a tanti utili consigli, e un libricino. È il dono che il Comune di Caselle farà a tutti i nuovi nati della città: 99 bambini, 59 femmine e 40 maschi, venuti alla luce nel corso del 2021. Le famiglia saranno chiamate a ritirare il presente nella sala Fratelli Cervi, il 19 e il 26 marzo, alle 16, alla presenza di Antonio Sgroi, presidente del Comitato torinese Unicef. «L’obiettivo è dare un segnale di rinascita dopo il lungo periodo della pandemia – spiega l’assessora ai Giovani, Erika Santoro, che ha investito 1.400 euro sul progetto – Sono stati due anni difficili per tutti, ma ancora più difficili per i più piccoli che subiscono ancora le restrizioni e le difficoltà nelle scuole.

La pigotta non è solo un piccolo dono di benvenuto ai nuovi nati, ma è anche il modo di finanziare l’acquisto di kit salvavita per i bimbi in difficoltà: così facendo saranno i bambini di Caselle a tendere la mano ed abbracciare idealmente altri bimbi molto meno fortunati. Il tutto realizzato attraverso l’Unicef, l’organizzazione delle Nazioni Unite che da oltre 70 anni aiuta i piccoli in tutto il mondo». E che, in questi giorni, sta operando attivamente a favore dei minori che vivono le conseguenze della guerra in Ucraina. Nel corso degli incontri per la consegna dei doni saranno presentato il servizio di asilo nido, e la biblioteca “Jella Lepman” regalerà alle famiglie il libro: «Del resto la cultura può essere al centro di un mondo nuovo, può cambiare il sistema – conclude – Per cambiare davvero servono cultura, valori, una visione complessiva del mondo e, soprattutto, umanità. Principi che fin dalla nascita vanno insegnati ai nostri figli, ed è proprio in questo che entrano in gioco le due più importanti istituzioni in una comunità: il Comune e la scuola».

© Riproduzione riservata

------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
------------------------------------------
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img