giovedì 20 Gennaio 2022
spot_img
spot_img

CASTELLAMONTE – Presentato il film “Stessi Battiti – In salita come nella vita” (FOTO)

La conferenza stampa si è tenuta questa mattina al Castello di Castellamonte

CASTELLAMONTE – È stato presentato questa mattina, nella prestigiosa cornice del Castello di Castellamonte, il quarto film del regista Roberto Gasparro, vincitore nel 2020 del premio per la Miglior Regia al Festival Internazionale del Cinema di Salerno e del premio per la miglior sceneggiatura al Vesuvius International Film Festival.

Presenti alla conferenza stampa, oltre al regista, il sig. Borello e Longo, sponsor ufficiali del film, il Sindaco del comune di Rivara, Roberto Andriollo, il Vice Sindaco di Ceresole Reale, Marco Durbano, e l’Assessore del Comune di Ozegna, Giovanni Agostino Graziano. Tra gli ospiti della mattinata l’ex ciclista professionista Franco Balmamion, vincitore di due edizioni consecutive del Giro d’Italia nel 1962 e nel 1963, Claudio Chiappucci, soprannominato “El Diablo”, indimenticabile ciclista e ciclocrossista italiano, vincitore di 2 giri del Piemonte, 3 tappe al Tour De France, 1 Giro d’Italia e primo italiano a salire sul podio della Grande Boucle dal 1972 dopo il secondo posto di Felice Gimondi nel 1972, e Giovanni Ellena, direttore sportivo italiano di ciclismo per categorie internazionali dal 2006 e attualmente direttore sportivo della squadra professionistica Team Androni Giocattoli di Sidermec.

Il film racconta la storia di Federico, interpretato dal giovane attore Riccardo Fiorio, alla sua prima esperienza cinematografica, un giovane ragazzo di 17 anni che studia, lavora e si allena duramente per realizzare il suo sogno: diventare un ciclista professionista. Formerà una squadra di fortuna insieme al suo meccanico, nonché compagna di classe ed esperta di ciclismo Rossella, interpretata dalla bellissima e promettente attrice Vittoria Chiolerio. Quando tutto sembrerà compromesso giungerà in loro aiuto Claudio Chiappucci, ingaggiato dall’azienda dove Federico lavora nel doposcuola che li aiuterà negli ultimi giorni di allenamento. Completa il cast di giovani attori Francesco Isasca che interpreta l’antagonista di Federico.

La giovane e promettente compagine artistica è completata dal compositore Carmine Padula, giovane compositore, allievo di Ennio Morricone, giunto al suo sesto film nonostante la giovane età. Carmine ha composto, tra l’altro la canzone “Sei come me”, per la celebre cantante Emma Marrone nel 2019.

«I miei film vogliono essere un esempio per i giovani. Questo in particolare vuole essere d’aiuto per i giovani stessi dando loro un esempio concreto: attraverso il lavoro, lo studio ed il sacrificio si possono raggiungere tutti i nostri sogni. Non è scegliendo la via più semplice che questi si realizzano. Verranno girate 150 scene a partire da domani 5 novembre sino al 4 dicembre. Ci aspetta un mese duro dove non mancheranno gli imprevisti ma noi, come sempre, non ci perderemo d’animo e raggiungeremo il nostro obiettivo» ha commentato Gasparro.

Questo film rappresenta un valida opportunità per la conoscenza del nostro territorio. Il film verrà girato tra i comuni di Rivara, Pertusio, Ozegna e Ceresole Reale.

«Il comune di Rivara ha investito in questo progetto perché penso che il nostro territorio abbia un potenziale enorme e questo film rappresenta un’opportunità per il Canavese» ha commentato il sindaco di Rivara Roberto Andriollo.

Della stessa opinione sia l’Assessore del comune di Ozegna, Graziano che il Vice Sindaco di Ceresole Reale, Durbano, il quale ha dichiarato «Siamo contenti di patrocinare il film anche, e soprattutto, per il messaggio che esso vuole dare. Siamo rimasti molto colpiti dalla storia e pensiamo sia un’ottima opportunità per far conoscere il territorio e per dimostrare che le amministrazioni sono attente nel dare i messaggi giusti».

Oltre ad essere un ottimo trampolino di lancio per il territorio, il film è un incoraggiamento a non mollare mai davanti alle avversità, le stesse dalle quali molto spesso i giovani fuggono. « La mia carriera sportiva è partita con il calcio poi sono passato al ciclismo. E’ sport che si realizza con fatica e mi rivedo molto in Francesco, il protagonista del film. I sacrifici sono indispensabili per arrivare al traguardo e si impara da quelli più bravi. Non è sempre così semplice, ci si può imbattere in intoppi ed avversità come ad esempio le cadute. Esse mi hanno sempre fatto riflettere, ma sono sempre ripartito, rimboccandomi le maniche. E’ indispensabile avere una grande passione. Le espressioni positive sono un esempio indispensabile per i più giovani. La bellezza del mondo dello sport si impara strada facendo. Io ho vissuto la mia vita agonistica stando sempre in full immersion dal primo all’ultimo giorno, perché non sapevo quanto sarebbe durata la mia carriera» ha commentato Chiappucci.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI:
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img