mercoledì 28 Luglio 2021
mercoledì, Luglio 28, 2021
spot_img

PIEMONTE – Tutti i Covid-hospital possono riaprire all’attività ordinaria, ma manca il personale

Icardi: “La riconversione avverrà nei tempi tecnici strettamente necessari, individuando le risorse umane adeguate”

PIEMONTE – Nonostante i direttori generali delle aziende sanitarie regionali abbiano ricevuto dall’Unità di crisi della Regione una circolare che autorizza la riconversione di tutti i Covid-hospital affinchè possano ritornare alla loro attività ordinaria, con la conseguente riapertura anche dei Pronto soccorso e i Punti di primo intervento ancora chiusi, le riaperture ritardano per carenza di personale.

Secondo le direttive l’operazione va condotta garantendo la netta separazione dei percorsi Covid e no-Covid, così come è avvenuto negli ospedali che hanno mantenuto per tutto il periodo dell’epidemia entrambe le funzioni.

La motivazione del provvedimento, secondo l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi, è dovuta al fatto che “l’andamento epidemiologico e la sensibile riduzione dei ricoveri Covid permettono finalmente di tornare alla piena operatività sul fronte dell’offerta sanitaria per le patologie diverse.

La riconversione avverrà nei tempi tecnici strettamente necessari, individuando le risorse umane adeguate.”

“Dobbiamo particolare riconoscenza – sottolinea Icardi – a quei territori ai quali è stato chiesto un contributo incondizionato nei momenti più drammatici dell’emergenza sanitaria, adeguando le loro strutture sanitarie all’interesse della collettività”.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img