sabato 19 Giugno 2021
sabato, Giugno 19, 2021
spot_img

CASTELLAMONTE – Il gruppo di minoranza “Per Castellamonte” attacca la Giunta sul personale comunale

“Sarebbe interessante capire la logica e l'opportunità di queste scelte”

CASTELLAMONTE – Il gruppo di opposizione “Per Castellamonte”, composto dai Consiglieri Rocco Santoro, Valentina Coppo, e Fabio Garaffa, attacca la Giunta sulla sostituzione del personale comunale che va in pensione, e lo fa con una nota inviata ai media, che pubblichiamo qui integralmente.

“La programmazione del fabbisogno di personale è uno strumento strategico con cui la Giunta individua le esigenze di personale dell’Ente e le modalità per l’assunzione dello stesso.

Tale strumento può essere variato e integrato dalla Giunta in qualsiasi momento al variare delle esigenze.
I pensionamenti, di norma, sono noti all’Amministrazione almeno un anno prima del perfezionamento dei requisiti che i dipendenti devono raggiungere per cessare dal servizio, la Giunta comunale pertanto ha tutto il tempo necessario per provvedere alla loro sostituzione.
Negli ultimi anni le maglie dei vincoli assunzionali per le pubbliche amministrazioni si sono notevolmente allargate per cui per un Comune come Castellamonte era ed è possibile attivare le procedure per sostituire il personale cessato.

L’avvicendamento dei dipendenti va programmato ed effettuato nei tempi e nei modi adeguati affinché il personale che cessa dal servizio abbia la possibilità di istruire il personale in ingresso per evitare disservizi.
Nel Comune di Castellamonte per la sostituzione del personale si sta procedendo in ordine sparso e confuso, come ormai avviene da tempo su molti altri aspetti, facendo ricorso a ditte esterne per assunzioni temporanee continuamente prorogate.
Per gli Enti, oggi ancor più di ieri, è indispensabile dotarsi di personale altamente qualificato soprattutto nei settori tecnici per offrire servizi al passo con le normative in continua evoluzione.

Come è possibile che in questi anni le figure apicali di Istruttore direttivo all’ufficio Tecnico siano state sostituite con personale assunto con procedure di mobilità e inquadrato in categoria inferiore?
Perché non si è provveduto semplicemente a sostituire i pensionamenti con figure equivalenti?

L’ufficio Tecnico contava almeno quattro figure in categoria D, delle quali un architetto e ultimamente anche un ingegnere, che guardando la programmazione del personale 2021-2023, grazie alla lungimiranza di questa Amministrazione, si ridurranno ad una.
Sarebbe interessante capire la logica e l’opportunità di queste scelte.
Il Comune di Castellamonte va controcorrente!!!

Vengono preferite mobilità all’indizione di concorsi o accesso a graduatorie di altri Enti che potrebbero dare un’opportunità di lavoro ai giovani.
In questi giorni, a riprova di quanto sopra, si è svolta la selezione per l’assunzione, tramite mobilità, di un istruttore da inserire all’ufficio Tecnico.
Nulla ci sarebbe da eccepire se il funzionario in questione non fosse la moglie del Responsabile del Settore Tecnico e se in commissione di valutazione non fossero stati nominati proprio funzionari dell’ufficio Tecnico sottoposti del suddetto Responsabile.
Lasciamo ai Castellamontesi valutare l’opportunità di tale scelta!”

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img