mercoledì 12 Maggio 2021
spot_img

TORINO – 22mila posti di lavoro persi nel 2020; a rischio altri 82mila posti

Ascom: “L'unica via è accelerare fortemente con le vaccinazioni”

TORINO – C’è preoccupazione per le aziende e i posti di lavoro nella provincia di Torino. In un incontro online organizzato alla presenza di Maria Luisa Coppa, Presidente Ascom Torino e Provincia, di Pierluigi Ascani, Presidente Format Research e di Carlo Alberto Carpignano, Direttore Ascom Confcommercio Torino e Provincia, che si è tenuto ieri, martedì 27 aprile, è stata illustrata la situazione delle aziende in provincia.

C’è crisi di liquidità. Nel 2020 si è già perso 22mila posti di lavoro, e la previsione non è rosea: la perdita di altri 82mila posti di lavoro nel 2021.

Nel primo trimestre del 2021, su 3500 imprese “zombie” (ovvero quelle che resistono) nel settore del commercio, 49 hanno chiuso. Nel settore turismo, hanno chiuso in 127 su 500 imprese “zombie”.

Secondo l’Ascom, se non si accelera con la vaccinazione, la lievissima ripresa che è stata registrata in questi mesi, rischia di essere vanificata. C’è molta attenzione sul tema della sostenibilità, ma non basta. La fiducia ha lasciato il posto al pessimismo. L’unica via è la copertura vaccinale, in modo da poter riaprire davvero tutto e tornare alla normalità.

urbanlungo

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img