lunedì 26 Luglio 2021
lunedì, Luglio 26, 2021
spot_img

PIEMONTE – Piemonte in zona arancione: ecco le misure da domenica 17 gennaio

Il colore potrà cambiare in seguito ai dati di monitoraggio del Comitato tecnico scientifico

PIEMONTE – Il Piemonte, da domenica 17 gennaio, verrà inserito in zona arancione.
Ecco una sintesi delle misure che saranno in vigore fino al 5 marzo (ma il colore della Regione potrà cambiare in seguito al continuo monitoraggio del Comitato tecnico scientifico:

SPOSTAMENTI
Coprifuoco dalle 22.00 alle 5.00.
Vietati gli spostamenti fuori dal proprio Comune e dalla propria Regione, salvo comprovate esigenze di lavoro, studio, necessità e salute. Sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio, abitazione.
Consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, esclusi gli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.
Permesso lo spostamento di massimo 2 persone (oltre ai figli minori di 14 anni e i conviventi disabili e non autosufficienti) una volta al giorno per una sola visita ad amici e parenti solo nel proprio Comune.

BAR E RISTORAZIONE
Sospese le attività dei servizi di ristorazione fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie
Bar: consentito solo l’asporto fino alle 18.00;
Ristoranti: consentito sia l’asporto che la consegna a domicilio fino alle 22.00.

ATTIVITÀ
Chiusi i centri commerciali nei festivi e prefestivi ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie al loro interno;
Esercizi commerciali aperti.

SCUOLA
Didattica in presenza al 50% per gli studenti delle scuole secondarie da 18 gennaio salvo diverse decisioni a carattere regionale;
Didattica in presenza al 100% per scuole dell’infanzia, scuole elementari, scuole medie;

urbanlungo

TRASPORTO
Trasporto pubblico locale e trasporto ferroviario regionale: coefficiente di riempimento non superiore al 50%.

CULTURA E SVAGO
Chiusi musei, mostre, cinema e teatri;
Chiusi gli impianti da sci ;
Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

ATTIVITÀ MOTORIA E SPORTIVA
Chiuse palestre e piscine;
Aperti i centri sportivi;
Consentita l’attività motoria nei pressi della propria abitazione.

“I dati della nostra regione ci collocano in Zona Arancione – dichiara il Presidente della Regione Alberto Cirio – in attuazione della nuova classificazione adottata a livello nazionale per contrastare l’incremento della circolazione del virus che si sta registrando in tutta Italia ed Europa. Il nostro Rt è cresciuto a 1.14, anche se è importante segnalare che la pressione ospedaliera, pur restando significativa, continua progressivamente ad alleggerirsi grazie agli sforzi virtuosi che i piemontesi hanno saputo fare nelle scorse settimane. So che questo è un nuovo sacrificio per tutti ed è la ragione per cui ho chiesto al Governo che i ristori previsti per le categorie chiuse siano certi e immediati. Mi riferisco in particolare al mondo dello sci, ristoranti e bar. Su questi ultimi mi auguro che da Roma rivedano la scelta di bloccare l’asporto a partire dalle 18, perché come ho segnalato in Conferenza delle Regioni è una decisione che appare poco comprensibile e fortemente punitiva. Per quanto riguarda la scuola, come previsto dal Comitato tecnico scientifico nazionale e dal Governo, da lunedì anche le scuole superiori potranno ripartire in presenza seppur al 50%. Questo anche grazie al Piano Scuola sicura che la Regione ha messo in campo e ad un enorme lavoro fatto con i prefetti, i territori e il mondo scolastico e dei trasporti per garantire la ripresa in sicurezza. Ma non abbasseremo la guardia e monitoreremo la situazione a scuola ogni giorno, per intercettare subito eventuali criticità ed intervenire in modo immediato con misure più restrittive se la situazione epidemiologica dovesse renderlo necessario.”

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img