lunedì 17 Maggio 2021
lunedì, Maggio 17, 2021
spot_img

MAZZÈ – Scorie nucleari: la posizione del gruppo di minoranza

"La partita si giocherà prioritariamente a livello politico"

MAZZÈ – Il gruppo di opposizione del Comune di Mazzè ha inviato ai media una nota circa la posizione assunta in merito all’individuazione dei siti per lo stoccaggio delle scorie nucleari. Lo pubblichiamo qui integralmente:

“In riferimento alla questione dei siti per lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi, desideriamo chiarire qual’ è la posizione che il nostro gruppo assume.

Premettiamo che siamo ben consapevoli di quanto sia importante che anche l’Italia vada a dotarsi di un sito adatto, proprio per questo motivo affermiamo con certezza che il nostro territorio NON possa essere assolutamente adatto.

Non vogliamo entrare ora in disquisizioni tecniche, ci saranno fior di esperti chiamati a svolgere tale compito, siamo peraltro certi che la partita si giocherà prioritariamente sul piano politico, perchè è del tutto evidente come le scelte effettuate fino ad ora abbiano avuto una matrice squisitamente politica, pur se mascherate dietro il paravento delle motivazioni tecniche.

Il nostro territorio non è adatto perchè il Canavese e il Chivassese hanno già pesantemente dato negli ultimi decenni, fornendo la propria disponibilità ad accogliere opere e strutture che hanno rilasciato grandi vantaggi a livello pubblico e generale, scaricando a livello locale le criticità: cave, discariche, l’alta velocità della quale non possiamo di fatto usufruire, solo per citarne alcune.

Il nostro territorio non è adatto perchè dopo tanti anni di crisi post industriale, economica, sociale e identitaria, non certo adeguatamente supportati come invece altri in Italia dalla politica romana, ora ci stiamo faticosamente rialzando e lo stiamo facendo grazie all’impegno e all’ingegno di privati ed enti locali che hanno compreso come la terra, che i nostri vecchi faticosamente si erano conquistati e che orgogliosamente ci hanno lasciato in eredità, sia una risorsa dal valore inestimabile anche non facendoci delle buche o colandoci del cemento.

Il nostro territorio non è adatto perchè il Canavese oggi finalmente è un marchio, arte, cultura, paesaggio, agricoltura e commercio di prodotti tipici di eccellenza, turismo, siamo magari partiti in ritardo in confronto ad altri ma ora ci siamo, andiamo avanti e non ci fermeremo perchè stiamo costruendo una buona fetta del futuro nostro e delle nostre prossime generazioni, non ci sono ristori economici che possano compensare la rinuncia a questo sogno, per tutti coloro che ci credono e vogliono continuare a crederci.

La partita si giocherà prioritariamente a livello politico, non è il momento dello sconforto nè delle divisioni, si deve fare squadra, tra cittadini, enti locali, organizzazioni di categoria, parlamentari del territorio. Noi ci siamo e faremo tutto quanto nelle nostre possibilità.”

urbanlungo

Leggi anche...

spot_img
spot_img
spot_img