giovedì 29 Luglio 2021
giovedì, Luglio 29, 2021
spot_img

CUORGNÈ – Chiusura temporanea del Pronto Soccorso, Pezzetto: “Dobbiamo avere la garanzia che riaprirà”

“Dobbiamo avere la garanzia che questo presidio Ospedaliero che si è dimostrato indispensabile nella pandemia verrà rivalutato insieme a medici ed infermieri che nonostante tutto hanno operato giorno e notte per le nostre Comunità”

CUORGNÈ – “Dobbiamo avere la garanzia che appena passata la fase critica della pandemia il pronto soccorso riprenderà a funzionare con le donne, gli uomini (medici ed infermieri) e i mezzi necessari.” Dichiara il Sindaco Beppe Pezzetto relativamente alla chisura temporanea del Pronto Soccorso di Cuorgnè.

“Come cittadino e come Sindaco – prosegue il primo cittadino – sono consapevole della criticità del momento e della necessità di trovare adeguate soluzioni alla gestione della complessa situazione pandemica in continua evoluzione, ma non posso però assolutamente condividere la decisione della chiusura del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cuorgnè, non si tratta di campanilismo o peggio di strumentalizzazioni politiche (anche perché varrebbe il detto: “chi è senza peccato scagli la prima pietra”) si tratta di buon senso, ripeto, pur nella piena consapevolezza della complessità del momento.”

E aggiunge: “Ho nuovamente rimarcato all’assessore e alla direzione Asl questo concetto, Il presidio temporaneamente chiuso, è al servizio di un territorio vasto e morfologicamente complesso, è stato argine fondamentale nella prima fase di espansione del virus in cui tutti abbiamo constatato l’abnegazione, la professionalità e il sacrificio del personale a cui la collettività tutta ha cercato di dare una mano sia nell’oggettiva carenza di supporti DPI, sia facendo sentire in modi diversi ma spontanei, la propria vicinanza e sostegno.
Il Covid è il nemico da battere ma non possiamo dimenticare la necessità di garantire alla nostra gente un adeguato supporto anche per le altre patologie e soprattutto alle situazioni di emergenza a cui il personale del nostro pronto soccorso ha sempre saputo rispondere con tempismo e professionalità.

Dobbiamo avere la garanzia che appena passata la fase critica della pandemia il pronto soccorso riprenderà a funzionare con le donne, gli uomini e i mezzi necessari, dobbiamo avere la garanzia che questo presidio Ospedaliero che si è dimostrato indispensabile nella pandemia verrà rivalutato insieme a medici ed infermieri che nonostante tutto hanno operato giorno e notte per le nostre Comunità.
Questa dovrà essere una battaglia prioritaria per il territorio, la salute della nostra gente viene prima di tutto, ma dovrà essere il territorio unito a condurla, per questo confido nel supporto di tutti i colleghi Sindaco del Canavese e dei rappresentanti politici eletti dalla nostra gente ai diversi livelli istituzionali. Ripeto non si tratta di campanili o bandiere politiche, si tratta di garantire le giuste cure a tutti i nostri cittadini.”

urbanlungo
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img